rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Attualità

La carenza di semiconduttori fa sparire il chip dalle tessere sanitarie

Il ministero ha deciso di rilasciare una quota di documenti sprovvisti di microprocessore: 18mila gli utenti trentini interessati

In Trentino stanno arrivando le prime tessere sanitarie sprovviste di chip. La carenza mondiale di semiconduttori, le materie prime necessarie alle realizzazione di componenti elettronici, ha infatti costretto il ministero dello sviluppo economico (Mise) a sostituire una parte delle tessere in scadenza, tutte munite di chip, con nuove card, prive del microprocessore.

Quest’ultimo è necessario per l’utilizzo della tessera sanitaria anche come carta nazionale dei servizi (Ts-Cns) o carta provinciale dei servizi (Ts-Cps) in Trentino e dei servizi online della pubblica amministrazione. Va sottolineato che la nuova tessera - nella versione sprovvista di chip (Ts) - svolge appieno le sue funzioni principali: vale come codice fiscale, garantisce l’accesso alla prestazioni del sistema sanitario nazionale come la prenotazione delle visite e permette l’accesso all’assistenza sanitaria nell’Unione europea.

In Trentino sono poco più di 18mila i cittadini che utilizzano la tessera sanitaria per i servizi digitali contro gli oltre 220mila che invece preferiscono Spid, l'identità digitale italiana.

Per ovviare al disservizio, il governo ha deciso di recente di prorogare la validità del certificato che consente di utilizzare la tessera sanitaria in scadenza come identità digitale fino al dicembre 2023. Il cittadino che si ritrova la nuova tessera sanitaria senza chip e intende comunque accedere ai sistemi digitali dovrà quindi utilizzare entrambe le tessere: la nuova Ts per l’ambito sanitario e la precedente Ts-Cps (con il chip) per la parte digitale.

I cittadini trentini che riceveranno la nuova tessera sanitaria senza il microchip (Ts) potranno continuare a utilizzare fino al 31 dicembre 2023 la precedente con microprocessore (Ts-Cps), attivata in passato, anche se riporta sul fronte la data di validità già scaduta.

Questo per permettere ai cittadini di continuare ad usufruire dei servizi digitali sui portali istituzionali della pubblica amministrazione per i quali è richiesto l’accesso con identità digitale. 

Come prorogare la tessera sanitaria con chip scaduta

Innanzitutto va sottolineato che l’operazione di proroga va effettuata prima della scadenza della vecchia tessera Ts-Cps.

La procedura di estensione del certificato di autenticazione della precedente tessera sanitaria con microchip è disponibile online.

Una volta entrati nel portale, si dovranno seguire le istruzioni per l’eventuale adeguamento del software ed avere sottomano il Pin e il Puk della tessera sanitaria in scadenza. I due codici sono stati consegnati all’utente al momento della prima attivazione della tessera Ts-Cps e sono comunque recuperabili presso gli sportelli sul territorio che si occupano dell’assistenza. In calce è disponibile il link con le informazioni e la lista degli sportelli in Trentino.

Svolte le verifiche e gli adeguamenti, il cittadino può procedere alla lettura della tessera grazie al lettore di smart card. Il sistema, riconosciuto il documento, abilita la proroga della validità della card, selezionando il bottone “Rinnova”. La procedura prevede l’accettazione dell’informativa sulla privacy, l’inserimento dei codici Pin e Puk.

Terminata la registrazione, la precedente tessera sanitaria con chip (Ts-Cps) potrà essere utilizzata, solo per i servizi online della pubblica amministrazione, fino alla fine del prossimo anno.

Online sono disponibili anche le informazioni sui vari sportelli territoriali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La carenza di semiconduttori fa sparire il chip dalle tessere sanitarie

TrentoToday è in caricamento