Attualità Gardolo / Via Giovanni Battista Trener

SuperEnalotto, trenta trentini baciati dalla fortuna alla ricevitoria dei fratelli Andreolli

Una vincita da oltre 56mila euro ha permesso a trenta trentini di portare a casa il proprio premio con il sistema "Bis-nonno"

Stefano e Roberto Andreolli, i titolari della ricevitoria

La fortuna torna a baciare il Trentino. Questa volta non un solo giocatore, ma ben trenta. Ognuno di loro porterà a casa 1500 euro netti. La notizia da parte di Sisal comunicazione che un fortunato a Trento ha centrato 1 punto "5" da 56.588,48 euro è arrivata giovedì 3 giugno. La giocata è stata fatta all'interno della Totoricevitoria Totopiù che si trova nel Bren Center a Trento nord. Un'attività gestita dai fratelli Stefano e Roberto Andreolli. 

«Siamo stati chiamati da Sisal e siamo davvero contenti, perché questa vincita verrà divisa tra tante persone» racconta Stefano a TrentoToday. «Siamo in un centro commerciale e ogni tanto ideiamo questi sistemi per i nostri clienti. Una giocata controllata, che non spinge alla ludopatia. Un modo per giocare senza esagerare». I due fratelli sono nel settore da 25 anni, prima erano al Caffè Zurigo, quando poi venne data loro la possibilità di aprire solo un punto giochi, si spostarono al Bren Center. 

I "sistemi" di Stefano e Roberto hanno nomi ordinari, come "Bis-nonno" o "suocera". Un po' come avviene in tanti giochi della tradizione. Sono il prodotto di studi delle statistiche, osservazioni dei numeri che escono durante la settimana e, ovviamente, una buona dose di fortuna. «Questi clienti sono appassionati, ma rimaniamo sempre nei limiti del divertimento» sottolinea ancora Stefano. «Quello che si cerca di trasmettere è il bello della giocata, senza eccedere. Siamo molto attenti anche alla nostra etica, non forziamo mai». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SuperEnalotto, trenta trentini baciati dalla fortuna alla ricevitoria dei fratelli Andreolli

TrentoToday è in caricamento