Attualità

Scuola, "Chiamata unica": assunti 190 collaboratori scolastici

Rispetto alle preferenze indicate dai candidati sono stati 63 gli incarichi assegnati sulla prima istituzione prescelta , 30 quelli sull'istituzione scolastica di seconda scelta e 19 sulla terza

Sono 190 gli incarichi di assunzione a tempo pieno e indeterminato del personale Ata, figura professionale di collaboratore scolastico della Provincia autonoma di Trento, assegnati ad agosto con il supporto del nuovo sistema informatizzato di “Chiamata Unica”. Il sistema è rimasto attivo per quattro giorni, durante i quali gli aspiranti collaboratori scolastici hanno potuto verificare direttamente dal proprio computer i posti vacanti per le assunzioni a tempo indeterminato, per l’anno scolastico 2021/2022 e hanno potuto così graduare le proprie scelte in base ai posti disponibili. In questa fase, il sistema di “Chiamata Unica” era rivolto esclusivamente ai collaboratori scolastici aventi diritto, ovvero inseriti nella graduatoria finale dei concorso straordinario approvata lo scorso luglio.

Il sistema di “Chiamata Unica”, applicato alla scuola primaria già dall’anno scolastico 2018/2019 e alla scuola secondaria a partire dall’anno scolastico 2019/2020, è stato ora esteso anche alle assunzioni a tempo indeterminato del personale Ata della figura professionale di collaboratore scolastico. 

L’applicativo informatico ha consentito ai candidati di avere evidenza immediata e completa dei posti disponibili e di poter così graduare le scelte in base alle proprie esigenze o preferenze. Non vi sono stati problemi riscontrati dall’utenza. Lunedì 9 agosto il sistema ha inviato agli interessati l’sms di avvenuta assegnazione dell’incarico e nella giornata di oggi i candidati firmeranno il contratto di assunzione.

Rispetto alle preferenze indicate dai candidati sono stati 63 gli incarichi assegnati sulla prima istituzione prescelta , 30 quelli sull'istituzione scolastica di seconda scelta e 19 sulla terza. Accesso dei dati online, contemporaneità delle operazioni e trasparenza sono le caratteristiche del sistema che, sulla base delle preferenze espresse dai candidati e della loro posizione in graduatoria, elabora, tramite un algoritmo, l’assegnazione dei posti garantendo un criterio oggettivo. 

Frutto di un processo di semplificazione per l’utenza e di un efficientamento interno,  questo meccanismo ha permesso al personale di partecipare alle assegnazioni degli incarichi comodamente da casa, senza doversi recare personalmente presso gli uffici del Dipartimento istruzione, per assistere in presenza alle attribuzioni dei posti. Il sistema è ora in fase di sviluppo, per arrivare, l'anno prossimo, a firmare anche i contratti da remoto e completare così tutto l'iter dell'informatizzazione del processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, "Chiamata unica": assunti 190 collaboratori scolastici

TrentoToday è in caricamento