menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lago di Garda, prurito quando si esce dall'acqua: è la "dermatite del bagnate"

Diverse segnalazioni anche a Riva del Garda, ecco cosa fare

Una sgradevole sensazione di bruciore sulla pelle dopo essere usciti dall'acqua: la "dermatite del bagnante" torna a colpire nelle acque del Garda, quest'anno anche con diverse segnalazioni in Trentino. L'irritazione è temporanea, non bisogna spaventarsi, ma può essere molto fastidiosa. Esistono alcune buone norme di comportamento che possono ridurre il rischio. Ecco una scheda diffusa dal sito del Comune di Riva del Garda.

Prurito appena usciti dall'acqua: ecco cosa fare

Il problema, normalmente di poca entità, è causato dalla presenza nei laghi di furcocercaria, un parassita tipico degli uccelli acquatici che può, in alcuni casi e in maniera del tutto accidentale, causare irritazione cutanea transitoria alla pelle dell’uomo, in relazione alla sensibilità individuale.

Esistono alcune norme di comportamento che riducono il rischio:

  • appena usciti dall'acqua fare una doccia e asciugarsi in modo vigoroso con l’asciugamano, possibilmente togliendo il costume da bagno;
  • evitare di sostare nelle acque basse in prossimità della riva e vicino a uccelli acquatici;
  • può essere utile, prima di entrare nel lago, cospargersi di crema per il sole resistente all’acqua;
  • è anche importante non attirare gli uccelli (ad esempio lanciando cibo) nelle aree in cui le persone nuotano.

Le persone colpite possono trovare sollievo adottando le misure seguenti, eventualmente dopo aver consultato un farmacista:

  • coprire le parti di pelle colpite con compresse fredde;
  • applicare un gel o una lozione contro il prurito;
  •  trattare la pelle con una pomata contenente corticosteroidi (venduta senza ricetta);
  • in caso di prurito forte si possono assumere antistaminici orali

Bisognerebbe evitare di grattarsi, dato che in tal modo la pelle interessata potrebbe infettarsi. Se, in rari casi, dovessero insorgere reazioni allergiche forti come vertigini, diaforesi, febbre o nausea, occorre consultare un medico, il quale può prescrivere medicamenti soggetti all'obbligo di prescrizione.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La bozza del decreto riaperture: le nuove regole fino al 31 luglio

Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Attualità

Tutti i canti popolari del Trentino disponibili online

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Perché rimane il coprifuoco dalle 22 alle 5

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: un altro lutto e +120 nuovi contagi

  • Attualità

    La bozza del decreto riaperture: le nuove regole fino al 31 luglio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento