Lavoro, i sindacati: "Dati allarmanti, in Trentino 6mila posti di lavoro in meno"

"I nuovi contratti sono crollati di quasi il 40%", scrivono Cgil, Cisl e Uil

Repertorio

"I dati sulle assunzioni e sulle cessazioni a marzo sono a dir poco allarmanti". Questo il commento di Cgil, Cisl e Uil sulla situazione del lavoro in Trentino nella Fase 2.

"Certo - si legge in una nota dei segretari delle sigle sindacali, Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti - l'andamento era atteso visto il lockdown ma leggere che i nuovi contratti di lavoro sono crollati di quasi il 40% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, fa tremare i polsi. Tra mancate assunzioni e cessazioni aggiuntive, solo a marzo si contano ben 6 mila posti di lavoro in meno".

Nel settore del turismo, sottolineano i tre sindacati, sono senza un lavoro 18mila stagionali che lavoravano in alberghi, ristoranti, negozi delle località turistiche, in primo luogo dei laghi. "Sappiamo - evidenziano Cgil, Cisl e Uil - che questa è solo la punta dell'iceberg. Per il mercato del lavoro locale il peggio deve ancora venire. Ci attende un innalzamento costante del tasso di disoccupazione mentre il ricorso alla cassa integrazione raggiungerà vette mai conosciute. Per questo è fondamentale potenziare il sistema dei sostegni al reddito provinciali che fino a qui la Giunta ha lasciato colpevolmente sguarnito. Ad oggi ad Agenzia sono state assegnate circa 10 milioni di euro che debbono servire per sostenere il reddito della generalità di disoccupati e cassaintegrati. Sono ancora troppo pochi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

Torna su
TrentoToday è in caricamento