rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Info utili

Cosa fare se si prende il Covid in vacanza all'estero

Quello che occorre sapere quando si organizza un viaggio

All'arrivo delle tante agognate ferie si registra un rialzo dei casi Covid. Da sempre, la speranza è che tutto vada bene, soprattutto se ci si muove in Paesi esteri. Ma è opportuno sapere come comportarsi, in caso di positività al Covid.

In Italia, ricorda Today, è obbligatorio l'isolamento per i positivi. Se si prende il Covid in viaggio, anche se a pochi chilometri da casa, si deve restare per 7 giorni almeno nella località in cui si è. Hotel o b&b sono a proprio carico. Si resta "bloccati" fino al tampone negativo, anche da asintomatici. I test di verifica si può fare solo passati i sette giorni di isolamento. I compagni di viaggio, familiari o amici, se vaccinati possono muoversi indossando la mascherina di tipo Ffp2.

Leggi le altre notizie di oggi su TrentoToday.it

Diversa la faccenda se si è all'estero e si contrae il Covid. Sul sito Viaggiare sicuri della Farnesina si ricorda che "qualsiasi spostamento, in questo periodo, può comportare un rischio di carattere sanitario, o comunque un rischio connesso all’emergenza sanitaria causata da Covid 19 (ad esempio, cancellazione di voli). In particolare, nel caso in cui sia necessario sottoporsi a test molecolare o antigenico per l’ingresso/rientro in Italia, si rammenta che i viaggiatori devono prendere in considerazione la possibilità che il test dia un risultato positivo. In questo caso, non è possibile viaggiare con mezzi commerciali e si è soggetti alle procedure di quarantena e contenimento previste dal Paese in cui ci si trova.  Tali procedure interessano, secondo la normativa locale, anche i cosiddetti 'contatti' con il soggetto positivo, che sono ugualmente sottoposti a quarantena/isolamento dalle autorità locali e a cui non è consentito spostarsi.  Si raccomanda, pertanto, di pianificare con massima attenzione ogni aspetto del viaggio, contemplando anche la possibilità di dover trascorrere un periodo aggiuntivo all’estero, nonché di dotarsi di un’assicurazione sanitaria che copra anche i rischi connessi a Covid".

Regno Unito

Nel Regno Unito le autorità sanitarie raccomandano soltanto di rimanere a casa e di evitare contatti stretti con persone fragili per 5 giorni e portare la mascherina. I positivi possono però circolare liberamente. Per chi si contagia mentre è nel Regno Unito dunque nessun problema; si è liberi di stare in hotel come di uscire così come di ripartire quando programmato.

Francia

Le misure per entrare in Francia variano a seconda del Paese di rispettiva provenienza. L'Italia rientra tra i Paesi di colore "verde". Per l’ingresso in Francia dall’Italia tutti i viaggiatori dai 12 anni in poi hanno l’obbligo di presentare alternativamente: 

  • il certificato di completa vaccinazione;
  • il certificato di guarigione (risultato positivo di un test molecolare o antigenico emesso da più di 11 giorni e non oltre 6 mesi. Tale certificato sarà valido per una durata di 6 mesi dalla data di realizzazione del test);
  • l’esito negativo di un test effettuato meno di 72 ore o antigenico effettuato meno di 48 ore prima della partenza (imbarco nel caso di un vettore, oppure passaggio della frontiera terrestre).

Inoltre per coloro che viaggiano in aereo è necessario compilare il modulo di localizzazione digitale che potrà essere visualizzato sul proprio dispositivo mobile o stampato su carta.

Se ci si ammala, è obbligatorio l’isolamento per 7 giorni che diventano 5 senza sintomi e con un test negativo) e la sistemazione, in casa o hotel, è a carico del turista. Non sono previste strutture pubbliche per ospitarli, solo gli ospedali in caso di necessità. Impossibile rimettersi in viaggio se non ci si è negativizzati.

Grecia

Isolamento obbligatorio almeno per cinque giorni, a partire da quello successivo alla diagnosi, per chi si scopre positivo in Grecia. Anche in questo caso, i costi sono a carico del turista. Vietato rientrare in Italia, per amici o familiari a contatto obbligatoria la mascherina per 10 giorni. L’ambasciata suggerisce di compilare sempre il modulo Passenger locator form necessario per ottenere il certificato di tampone negativo e poter ripartire.

Spagna

La Spagna non impone particolari limiti. Per usare i mezzi pubblici non servono green pass o test. Ai positivi è solo raccomandato di evitare le interazioni sociali e usare la mascherina. Qualsiasi pronto soccorso o presidio medico pubblico è anche a disposizione dei turisti.

Stati Uniti

Senza vaccino negli Stati Uniti non si entra, tranne che per i minorenni. Gli Usa hanno tolto l’obbligo di test negativo 48 ore prima dell’arrivo ma oltre all’Esta (il visto di ingresso) serve il certificato di vaccinazione. Ed è assolutamente consigliato partire con un’assicurazione. Se ci si ammala negli States sono obbligatori cinque giorni di isolamento (a proprie spese)e l’assistenza sanitaria è a pagamento. Non si può tornare in Italia senza essere guariti.

Proprio perché la situazione è in continua evoluzione, è bene consultare la scheda della propria destinazione su ViaggiareSicuri e verificare eventuali aggiornamenti. Sul sito web dell'Unione europea https://reopen.europa.eu  è possibile trovare informazioni su ciascun paese su confini, mezzi di trasporto disponibili, restrizioni di viaggio, misure di salute e sicurezza pubblica, nonché altre informazioni pratiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa fare se si prende il Covid in vacanza all'estero

TrentoToday è in caricamento