menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna l'ora legale, quando e come spostare le lancette

L'ora legale resterà in vigore fino al 25 ottobre 2021: il nostro fisico impiega alcuni giorni ad adattarsi al cambiamento. Tra sabato e domenica dormiremo un'ora in meno

L'ultimo weekend di marzo vedrà il ritorno dell'ora legale, l'appuntamento con il movimento delle lancette previsto nella notte tra sabato 27 e domenica 28 marzo. Sono molte le persone che non ricordano se con l'ora legale le lancette vadano spostate un'ora avanti o un'ora indietro. Un buon modo per ricordarlo potrebbe essere quello di associare alle stagioni il cambiamento: dopo l'arrivo della primavera si dorme un'ora in meno. Le lancette di tutti gli orologi andranno spostate quindi in avanti, dalle 2 alle 3. La tecnologia, da ormai diversi anni, ha quasi sostituito questo procedimento "manuale". A doversi arrangiare sono rimasti solo le persone che utilizzano orologi da polso o hanno orologi alle pareti. Sui telefoni e dispositivi di nuova generazione il cambio avviene in automatico, senza nemmeno accorgersene. Il corpo umano impiega alcuni giorni ad adattarsi al cambio dell'ora, a causa dell'orologio biologico legato ai ritmi circadiani che si trovano in difficoltà quando avvengono cambiamenti di orario e nel ritmo sonno-veglia.

C'è chi ha chiesto di abolire questo cambio periodico

I Paesi nordici, gran parte di essi, hanno chiesto di rinunciare all'ora solare, perché sostengono che spostare le lancette un'ora avanti prima dell'estate e un'ora indietro prima dell'inverno, causerebbe alcuni problemi allo stato psico-fisico e alla salute delle persone. Secondo gli esperti citati da una commissione di esperti finlandesi sono accertati disturbi del sonno, anche insonnie prolungate in alcuni soggetti. Lo spostamento delle lancette dell’orologio può effettivamente creare qualche difficoltà di adattamento, nulla di serio per la maggior parte della popolazione. Buonsenso vorrebbe che i Paesi meridionali dell’Unione decidano di tenere l’ora legale per tutto l’anno, quelli del nord Europa l'ora solare per tutto l'anno. 

Da tempo si sta ragionando a livello europeo sull'abolizione del passaggio dall'ora solare a quella legale. Nel 2018 il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione che prevede l’abolizione dell’obbligo per i vari Paesi membri di passare da un’ora all’altra due volte all’anno, ma ha anche auspicato una decisione unitaria a livello europeo. Una consultazione online (svoltasi dal 4 luglio al 16 agosto 2018 con l’adesione record di 4,6 milioni di cittadini europei) aveva mostrato che l’85% degli intervistati è favorevole all’abolizione del cambio dell’ora semestrale. La decisione definitiva è ferma al Consiglio Europeo, ma l’Italia ha già confermato il cambio dell’ora. Insomma, nessuna novità all'orizzonte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento