Attualità

All'ospedale di Cavalese i primi interventi 'robotizzati ' per l'impianto di protesi ortopediche

Il nuovo metodo consente un approccio mini-invasivo e tempi di recupero più rapidi per i pazienti

Chirurgia robotica (da Commons Wikipedia)

Nell'ospedale di Cavalese a dicembre sono stati effettuati i primi interventi di impianto di protesi d'anca e di ginocchio eseguiti con l'ausilio di un robot. L'innovativa metodologia consente un approccio meno invasivo e tempi di recupero ridotti.

I pazienti - si legge in una nota dell'azienda sanitaria - operati nei giorni scorsi dai professionisti dell'Unità operativa di ortopedia di Cavalese, stanno bene e sono stati dimessi il terzo giorno dopo l'intervento senza dolore grazie anche al programma riabilitativo Fast-track intrapreso nel pomeriggio del giorno dell'intervento.

In particolare, il robot usato all'ospedale di Cavalese consente di creare un'immagine virtuale personalizzata della procedura chirurgica attraverso la creazione di modelli 3D realizzati negli Stati Uniti su immagini Tac. L'obiettivo è controllare gli effetti di correzioni millimetriche sui movimenti del ginocchio o dell'anca.
   


   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale di Cavalese i primi interventi 'robotizzati ' per l'impianto di protesi ortopediche

TrentoToday è in caricamento