Università di Trento, ecco il mulo-robot per trasportare carichi in montagna

Il progetto, partito all'Iit Genova, è arrivato nell'ateneo trentino

Mulo robot (da webmagazine.unitn.it)

"Non segnerà la fine immediata dello sfruttamento degli animali nel trasporto di carichi pesanti su terreni accidentati, ma il robot quadrupede HyQ-Blue apre senza dubbio le porte a scenari promettenti". È quanto scrive l'Università di Trento dove è arrivato il progetto di un mulo-robot.

Le caratteristiche del mulo-robot

'L'animale' - a cui stanno lavorando il Dipartimento di Ingegneria industriale dell'Università di Trento e l'Istituto italiano di tecnologia (l'Iit di Genova) - è stato pensato per essere adatto alla montagna, resistente e agile. Il 'mulo' - precisano i ricercatori - è in grado di muoversi su terreni impervi, trasportare carichi pesanti e andare al trotto.

Il robot, al centro di un accordo di collaborazione tra l'ateneo trentino e l'Itt, è stato trasferito da Genova a Trento dove verrà studiato per i prossimi tre anni. Il design del robot è stato pensato ispirandosi per dimensioni e forza, ad animali estremamente resistenti e in grado di muoversi su ogni tipo di terreno: HyQ-Blue pesa 90 chili, è lungo un metro, ha il corpo in lega di alluminio, è capace di camminare, trottare, salire e scendere scale, portare e trainare pesi, proprio come farebbero i muli degli alpini. 

Inoltre HyQ-Blue è in grado di acquisire e costruire in tempo reale una mappa tridimensionale dell'ambiente che lo circonda, ciò gli permette di avere un alto grado di autonomia nell'evitare ostacoli e nel selezionare dove mettere le zampe proprio come farebbe un animale vero. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo a lungo termine del progetto è creare software, algoritmi e hardware robusti per robot quadrupedi che riescano ad accedere a zone impervie e che possano intervenire, in caso di catastrofi naturali, in luoghi inaccessibili all'uomo e a supporto di attività in montagna e nell'ambito agricolo.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Rovereto, Valduga va al ballottaggio con Zambelli

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Riva del Garda, al ballottaggio Mosaner e Santi, una manciata di voti separano i due candidati

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento