Giovedì, 28 Ottobre 2021
Attualità

Green pass, il piano della Provincia per garantire i tamponi

Priorità agli occupati nei servizi essenziali. Per aumentare la capacità l'Azienda sanitaria potrà coinvolgere i dipendenti fuori dall'orario di lavoro

Provincia autonoma di Trento e Azienda provinciale per i servizi sanitari scendono in campo in vista dell'entrata in vigore del green pass obbligatorio, prevista per venerdì 15 ottobre. In previsione di una richiesta dei tamponi che rischia di aumentare in modo esponenziale (e che spaventa le farmacie), la Pat fa sapere che sarà potenziata l'offerta diagnostica, per garantire il test (e dunque la certificazione verde) ai lavoratori che ne avranno bisogno perché non vaccinati.

La giunta provinciale ha infatti approvato una delibera dell'assessore alla salute Stefania Segnana che comporta l'aggiornamento del "protocollo per gli accertamenti diagnostici del virus Sars Cov2". Nel dettaglio, scrive la Provincia, si autorizza l’Azienda sanitaria ad offrire il servizio di tamponi rapidi a pagamento fino al 30 novembre 2021, prorogabile in caso di necessità. Una decisione mirata a permettere ai lavoratori dei servizi ritenuti essenziali di effettuare il tampone presso le sedi Apss. Per aumentare la capacità di tamponi, l’Azienda potrà coinvolgere, fuori orario di servizio, il proprio personale dipendente.

I contenuti del provvedimento sono stati presentati dall'assessore Segnana insieme all'assessore allo sviluppo economico Achille Spinelli nella mattinata di giovedì. Gli esponenti della giunta hanno incontrato il Coordinamento provinciale imprenditori e i sindacati, alla presenza del direttore generale Apss Antonio Ferro e della dirigente del Dipartimento prevenzione dell’Azienda Maria Grazia Zuccali. La decisione ha ricevuto una risposta positiva da entrambe le categorie, "nell’ottica - si legge nella nota - di rispondere ad una possibile criticità per il sistema economico trentino impegnato nella fase di ripartenza".

Secondo l'assessore Segnana dunque, la possibilità di effettuare i tamponi a pagamento nei centri dell'Apss dovrebbe soddisfare il fabbisogno stimato. Obiettivo prioritario - aggiunge l'assessore Spinelli - resta quello di non interrompere la crescita e la ripartenza del Trentino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass, il piano della Provincia per garantire i tamponi

TrentoToday è in caricamento