Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Dopo la tappa saltata del Giro d'Italia il passo è transitabile ufficialmente da venerdì 14 giugno

foto da rete Meteo Amatori

Passo Gavia aperto a partire da venerdì 14 giugno, con buona pace di chi voleva farci passare la tappa, già programmata, del Giro d'Italia. Frese e spazzaneve hanno lavorato incessantemente per aprire un passaggio tra due muri di ghiaccio alti anche più di dieci metri. Il sole ed il caldo hanno fatto il resto, sciogliendo poco a poco la neve, che si è riversata sulla strada sottoforma di acqua.

Leggi la notizia su Sondrio Today, clicca qui...

La foto del ciclista immerso in questo paesaggio da banchisa polare, ha fatto il giro del web. In comune accordo con la Provincia di Brescia, da venerdì mattina la strada che conduce al passo del Gavia è a tutti gli effetti transitabile su entrambi i versanti.

“Dopo le difficoltà causate dalle precipitazioni nevose dello scorso mese di maggio - ha dichiarato il presidente della provincia di Sondrio Elio Moretti - finalmente siamo riusciti a terminare gli interventi per la riapertura della strada provinciale.Tante le energie impiegate per giungere alla riapertura del passo.  Le condizioni meteo della tarda primavera sono state eccezionali e hanno reso più complesse le operazioni di apertura per ragioni di sicurezza.”

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento