Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità

Dove ammirare il foliage in Trentino

Il termine indica il cambio dei colori in natura. Solitamente, avviene tra fine settembre e inizio novembre. Dove poter vedere questa magia? Visit Trentino ha elencato 10 luoghi "magici" dove è possibile lasciarsi incantare dalla bellezza della natura che muta

Ogni stagione ha la sua bellezza e le sue particolarità. L'autunno ha sempre un grande compito: deve mostrarsi interessante dopo l'estate, che è il periodo delle vacanze, del gioco e del divertimento. Eppure, con i primi freddi, torna la voglia di accendere le stufe, preparare le castagne e assaporarle con del buon vino. Una delle attività molto apprezzate da amanti della natura e non solo, è quella di osservare la natura che ha cambiato i suoi colori e diventa una tavolozza di sfumature mozzafiato.

Il bello del Trentino è che è pieno di luoghi dove poter ammirare questo passaggio: il foliage. Termine inglese che indica, appunto, il cambio dei colori in natura. Solitamente, avviene tra fine settembre e inizio novembre. Dove poter vedere questa magia? Visit Trentino ha elencato 10 luoghi "magici" dove è possibile lasciarsi incantare dalla bellezza della natura che muta. 

Tra i castagneti di Brentonico

Una passeggiata alla portata di tutti, che dura poco più di mezz’ora, con partenza da Santa Caterina. Ci si incammina lungo la strada che regala una bellissima panoramica sulla Vallagarina, e poi si prosegue immergendosi tra i campi coltivati e i castagneti secolari di Castione, borgo medievale frazione di Brentonico. Ad ottobre, poi, solitamente viene organizzata la famosa Festa dei Marroni.

La Val Canali

Un'altra tappa obbligatoria per gli amanti del foliage, per Visit Trentino, è il percorso ad anello di 13 km che porta alla bellissima vallata con una vista privilegiata sulle maestose Pale di San Martino e sulla Catena del Lagorai. Il percorso è piuttosto lungo, ma non troppo impegnativo. 

Sul Monte Corona

Anche questa è una passeggiata facile: una camminata rilassante nel bosco di faggi, pini e abeti che ricopre il Monte Corona, in località Ville di Giovo, con tappa al belvedere del Doss Paion. Quassù è possibile ammirare la vista sulle catene montuose del Trentino orientale e sulla bassa Val di Cembra, meravigliosa nelle infinite sfumature del foliage.

Al Rifugio San Pietro

Si tratta di un percorso un po' più impegnativo rispetto agli altri, se non altro per la durata: 4 ore tra andata e ritorno. Si parte da Canale di Tenno, borgo medioevale tra i più Belli d'Italia, per ammirare il foliage dalla terrazza naturale del Rifugio San Pietro, una delle mete più amate per la facilità di accesso, per l'ottima cucina e per la spettacolare vista panoramica sul lago di Garda.

Val Brenta

C'è poi la Val Brenta. Considerata un’escursione alla portata di tutti, a poca distanza da Madonna di Campiglio. Qui è possibile ammirare le incantevoli cascate di Vallesinella. Lungo il percorso è si possono ammirare i boschi di faggio illuminati dai colori del foliage.

Val di Fumo

Da non dimenticare la spettacolare ampia vallata di origine glaciale, circondata da boschi e pareti rocciose, che si trova nell’estremità occidentale del Trentino. Qui, in autunno, i larici si colorano di giallo e si stagliano nel blu del cielo. Visit Trentino consiglia di ammirarli dal Rifugio Val di Fumo verso le 9 del mattino quando il sole illumina le cime più alte: "Un must per gli amanti del foliage!".

Dalla Terrazza Belvedere

Una passeggiata facile e adatta a tutta la famiglia tra i boschi di faggete che fanno da cornice a Fai della Paganella. La meta è la Terrazza Belvedere di Fai, raggiungibile in poco più di venti minuti di passeggiata, partendo dal paese. Questa esperienza viene coronata dal bellissimo panorama sulla Valle dell’Adige.

Alla Forra del Lupo

Ecco un luogo meraviglioso in ogni stagione. Un mix tra trekking e storia, tra le montagne dell’Alpe Cimbra. Una passeggiata ad anello di quasi tre ore che porta in una gola tra alte pareti di roccia, dove gli austro-ungarici scavarono trincee e profondi ricoveri nel corso della Grande Guerra. Impagabile il panorama sull'alta valle di Terragnolo e sull'imponente massiccio montuoso del Pasubio.

Alle Cascate del Saént

Nel cuore della Val di Sole, c'è un percorso ad anello che conduce ai piedi di questi spumeggianti salti d'acqua creati dal torrente Rabbies. L'itinerario, all'interno del Parco Nazionale dello Stelvio, in autunno, permette di ammirare la colorazione delle foglie del larice che diventano di un arancione talmente vivo da sembrare surreale. Un contrasto unico con il cielo limpido.

Lago di Tovel

Un'altra meta molto apprezzata e che viene spesso fotografata da chi la sceglie per una gita domenicale o per le proprie vacanze. Si tratta del lago di Tovel, un luogo che negli anni Sessanta si colorava di rosso per le particolari proprietà di un’alga e che ha conservato il suo fascino. In autunno raggiunge il suo massimo splendore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dove ammirare il foliage in Trentino

TrentoToday è in caricamento