Coronavirus, 2122 contagi e 86 decessi. 250 milioni a imprese da Provincia

Trend negativo dei casi. Via libera da parte della Giunta provinciale di Trento al 'Fondo Ripresa Trentino' con finanziamenti a tasso zero

Repertorio

Al 26 marzo in Trentino risultano 2122 contagi (+121 in 24 ore) da coronavirus e 86 decessi, con dodici persone in più rispetto a mercoledì. Il trend dei casi è quindi fortunatamente negativo e se dovesse continuare potrebbe segnare un inizio nel rientro dell'emergenza sanitaria.

Contagi, ricoveri e decessi in Trentino

In terapia intensiva al momento ci sono 66 persone; i guariti sono invece 117 (+27 rispetto al giorno prima). Ad essere contagiate anche 85 persone di Apss, di cui 6 ricoverate e 4 dimesse. Ad annunciarlo durante la quotidiana conferenza di aggiornamento l'assessore alla Salute Stefania Segnana e l'assessore dell'Azienda sanitaria Paolo Bordon. 

"La strategia per provare a sconfiggere il virus - ha dichiarato il governatore Fugatti - è quella di fare tamponi a tappeto. L'obiettivo è farne 1500 al giorno per garantire una sicurezza a tutto il personale sanitario. Nel frattempo la Provincia ha triplicato i posti in terapia intensiva rispetto all'inizio dell'emergenza: in totale oggi sono 99, 64 a Trento e 29 a Rovereto". 

Le dodici persone morte tra mercoledì e giovedì e positive al Covid-19 erano cinque donne e sette uomini con un età compresa tra i 70 e gli 89 anni.

Gli interventi per l'economia locale

Nel frattempo la Giunta ha dato il via libera al 'Fondo Ripresa Trentino', con finanziamenti a tasso zero per 250 milioni di euro in favore di imprese e lavoratori autonomi danneggiati dagli effetti dell'epidemia. Prevista anche la sospensione o rinegoziazione dei mutui in essere. 

"L'intervento sul fronte finanziario - hanno evidenziato  Fugatti e gli assessori Achille Spinelli e Roberto Failoni - prevede la sottoscrizione da parte delle banche e degli intermediari finanziari di un Protocollo d'intesa che abbiamo approvato in base a quanto concordato al Tavolo del Credito. Le banche potranno concedere linee di finanziamento a imprese di qualsivoglia comparto e ai lavoratori autonomi, con erogazione in unica soluzione e rimborso unico dopo due anni, a fronte di garanzie del Confidi a costo zero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Provincia, con uno stanziamento di 2 milioni di euro - continuano - provvederà al pagamento degli interessi passivi maturati per i 24 mesi previsti. Con questo intervento, speculare a quello sui mutui, intendiamo far fronte alla carenza di liquidità delle imprese trentine in conseguenza dell'emergenza sanitaria, cominciando anche a guardare al 'dopo', alla ripresa. Vogliamo permettere alle imprese di affrontare la crisi con maggiore serenità e affrontare l'auspicata ripartenza senza l'assillo delle rate, ma anche con la possibilità di accedere a nuove linee di credito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Studente positivo asintomatico: isolati compagni di classe ed insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento