Cinque giornate sulle piste a 70 euro per gli alunni di quinta

Contributi provinciali per riportare i ragazzi sulle piste da sci: ecco tutte le informazioni

Portare di nuovo i ragazzi e le ragazze trentini sulle piste da sci: questo l'obiettivo dell'iniziativa, messa in campo dall'assessore allo Sport Roberto Failoni, e che prevede una compartecipazione della Provincia alle spese per l'acquisto di un biglietto stagionale sulle piste. L'iniziativa, quest'anno, è valida solamente per le classi quinte. 

Con 70 euro ogni famiglia avrà la possibilità di far sciare il proprio figlio, frequentante la quinta classe elementare, per cinque giornate nella stagine 2019/2020. La spesa si riduce a 45 euro per chi è già in possesso di uno skipass. Le modalità di partecipazione sono lasciate all'iniziativa dei singoli istituti scolastici, così come la scelta delle giornate. 

Il programma prevede 5 uscite pomeridiane, in una giornata a scelta dell’Istituto, a partire dalla terza settimana di gennaio (lunedì 13) fino alla terza settimana di febbraio (venerdì 14); sono stati coinvolti gli Istituti afferenti alle stazioni sciistiche di Monte Bondone, Folgaria, San Valentino, Panarotta, Passo Brocon e Paganella, con l’intento di estendere l’iniziativa, negli anni a venire, alle altre località sciistiche della provincia.

Il trasporto, con luogo di ritrovo indicato dall'Istituto, inizierà di norma alle ore 13-13,15 per poter raggiungere la stazione sciistica di prossimità entro le ore 14 circa. Le lezioni quotidiane, di 2 ore, inizieranno alle 14,30 per concludersi alle 16,30, con rientro previsto entro le ore 17,30-17,45.

"In passato è stato fatto molto in Trentino per avvicinare i giovani allo sport - ha affermato l'assessore Failoni - ma possiamo fare di più facendo in modo che i ragazzi trentini che vivono nella provincia più sportiva d'Italia tornino a sciare, in controtendenza rispetto al calo che tale disciplina ha segnato negli ultimi anni. La Provincia ha voluto sostenere questa iniziativa: non sarebbe stato giusto prevederne la gratuità perché non si sarebbe altrimenti dato valore a ciò che si fa, ma aiutiamo le famiglie compartecipando alla spesa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa è sperimentale e coinvolge gli alunni delle quinte classi ma contiamo di estenderla nei prossimi anni anche ai ragazzi delle classi quarte e terze. Il monitoraggio dell’attività consentirà di valutare la possibilità di estendere l’iniziativa, negli anni futuri, nelle scuole già interessate dal progetto del CONI “Scuola e Sport”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento