Attualità

Alle scuole di Dro e Cles la seconda edizione dei "Custodi di parole"

Il concorso promosso dalla Cooperazione Trentina ha registrato la partecipazione di sette scuole (elementari, medie e superiori) con il coinvolgimento di oltre 180 ragazzi e ragazze

Quando l’estate è alle porte e l’anno scolastico sta vivendo la fase conclusiva, è tempo di premiare i vincitori dei concorsi promossi dalla Cooperazione Trentina e curati dall’Ufficio Formazione e Cultura Cooperativa della Federazione.

In modalità streaming si è tenuto l'atto finale della seconda edizione di “Custodi di parole” indirizzato alle scuole primarie di primo grado e secondarie di primo e secondo grado della provincia di Trento.

“Ai ragazzi e alle ragazze delle classi partecipanti – viene spiegato - è stato chiesto di leggere in profondità il significato e la portata simbolica di alcune parole di particolare importanza per il movimento cooperativo: solidarietà, genere, pace, ambiente, futuro, consapevolezza, fiducia”.

Queste parole sono tratte dal programma di azione dell’Agenda 2030 e rappresentano per il movimento cooperativo trentino (ma anche nazionale e internazionale) un punto di riferimento etico e pratico.

Ogni classe ha potuto scegliere di diventare custode di una parola legata anche ai valori cooperativi. Parola approfondita nel corso dell’anno scolastico in tutte le sue declinazioni. Quelle scelte maggiormente sono state ambiente, consapevolezza, solidarietà e futuro.

Le classi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado si sono impegnate nella realizzazione di vari materiali: video, lapbook, siti, cartelloni, dispense, powerpoint dimostrando considerevole capacità creativa.

“Attraverso questo lungo e approfondito percorso di ricerca – viene aggiunto - gli alunni e le alunne hanno imparato a gestire in modo sempre più autonomo quelle competenze che sono trasferibili anche agli altri contesti di apprendimento: la capacità di generare buone domande la cui risposta non è scontata, la curiosità e le voglia di apprendere, di saperne di più, la capacità di riflettere sui propri apprendimenti, la capacità di costruire un significato collettivamente, in modo cooperativo”.

La commissione esaminatrice che ha valutato i lavori ha assegnato cinque premi e due riconoscimenti speciali. Le classi premiate hanno potuto scegliere tra buoni acquisto di materiale scolastico da utilizzare al Sait o nelle Famiglie Cooperative, buoni libro, buoni viaggio con la cooperativa Etli o con l’Apt di Comano – Dolomiti e Brenta per il “Viaggio delle emozioni” alla scoperta delle origini della cooperazione in Trentino.

Silvia Furlan della scuola di teatro Spazio 14 di Trento ha elaborato per l’occasione un testo che parla di ambiente, consapevolezza futuro e cooperazione, liberamente tratto dal libro “L’Uomo che piantava gli alberi” di Jean Giono, che ha letto e interpretato nel corso della manifestazione.

I PREMIATI

SCUOLA PRIMARIA PRIMO GRADO

Primo premio (parola scelta: ambiente): Scuola Primaria “O. Focherini e M. Marchesi” – Cles; secondo premio (solidarietà) scuola Primaria “C.Darwin” di Mezzolombardo – classe I B; terzo premio (consapevolezza) scuola Primaria “Don Grazioli” di Lavis – classe I A.

Premio speciale per la creatività alle scuole Primarie "G. A. Von Cadenberg" di Cadine  e "S. Pertini" di Sopramonte.

SCUOLE SECONDARIE di PRIMO e di SECONDO GRADO

Primo premio (parola scelta: solidarietà): Sspg “Nuova Europa” – Dro – classe III C; secondo premio (futuro) Istituto Marie Curie di Pergine - 4^ASE Liceo delle scienze umane indirizzo socio-economico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alle scuole di Dro e Cles la seconda edizione dei "Custodi di parole"

TrentoToday è in caricamento