Salute

A settembre bonus Covid in busta paga per i sanitari

Approvato l'accordo tra sindacati e Apran. Contributi per 8mila lavoratori

Il bonus Covid per la terza fase della pandemia sarà erogato a settembre al personale non dirigente: a confermarlo è la Provincia Autonoma di Trento, a seguito dell’accordo tra i sindacati di categoria e Apran. Un provvedimento che riguarda una platea di quasi 8mila addetti ai lavori tra personale sanitario, socio-sanitario, tecnici dell’unità operativa di Trentino Emergenza 118, dipendenti dell’Apss, tutti impegnati nel contrasto all’epidemia di Covid dal 1° gennaio 2021 allo scorso 31 marzo 2022.

Questi professionisti, quindi, si troveranno il bonus nella busta paga di settembre, con quattro fasce di contributi individuate in base alle ore lavorate nel periodo in questione: chi ha lavorato fino a 1600 ore riceverà 650 euro, da 1.601 a 2mila 950 euro, da 2.001 a 2.200 1350 euro e dalle 2.201 ore in poi un bonus di 1650 euro.

Sono 8,3 i milioni di euro destinati a questo intervento, compresi nel pacchetto di risorse da 10 milioni approvato dall’esecutivo lo scorso 5 agosto, con la restante parte, destinata ai dirigenti, che sarà al centro del prossimo accordo sul tema.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A settembre bonus Covid in busta paga per i sanitari
TrentoToday è in caricamento