Attualità

Lavoro, assunzioni aggiuntive nei Comuni: approvato il provvedimento

Approvato il documento che disciplina un'opportunità riservata agli enti che hanno scelto la Gestione associata di determinati servizi

Nuove opportunità di assunzione per i Comuni trentini con popolazione inferiore a 5.000 abitanti. Le realtà amministrative che decidono volontariamente di gestire alcune tipologie di attività in forma associata avranno la possibilità di assumere ulteriore personale, dopo il via libera alle prime circa 100 potenziali nuove assunzioni deliberate a marzo dalla Giunta Provinciale, d’intesa con il Consiglio delle Autonomie Locali, per dare risposta alle esigenze delle municipalità con maggiori carenze di organico. Il provvedimento è stato approvato venerdì 10 settembre dalla Giunta provinciale.

Le novità, come detto, interessano i Comuni che continuano ad aderire volontariamente ad una gestione associata o che costituiscono una gestione associata con almeno un’altra municipalità per la gestione di almeno 3 attività tra quelle individuate nel provvedimento (Segreteria generale, personale e organizzazione; ufficio tecnico, urbanistica e gestione del territorio, anagrafe, commercio, servizi informatici) oppure almeno 2 attività qualora tra queste rientri la gestione finanziaria e delle entrate.

Ogni Comune aderente alla gestione associata dei servizi potrà assumere una nuova figura. Il provvedimento definisce anche i criteri con i quali i Comuni che non dispongono di sufficienti risorse finanziarie possono eventualmente richiedere il contributo alla Provincia per sostenere, almeno per il primo periodo di assunzione, i costi relativi a tali assunzioni.

Nel provvedimento sono individuate anche ulteriori possibilità di assunzione di personale di polizia locale, come ad esempio il personale stagionale a tempo determinato nei periodi di maggiore afflusso turistico, da parte dei Comuni capofila dei servizi associati di polizia locale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, assunzioni aggiuntive nei Comuni: approvato il provvedimento

TrentoToday è in caricamento