rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Ala

La ex canonica diventa la Casa delle associazioni

Altre otto realtà del territorio ora hanno una sede nella quale riunirsi. Sabato l'inaugurazione

L'ex canonica di Ala si è trasformata nella Casa delle associazioni, dando così dimora a otto realtà alensi che non avevano una sede dove riunirsi. Tanto l'entusiasmo per l'inaugurazione di questa nuova vita, ufficializzata sabato 26 marzo. Le associazioni che hanno trovato sede alla ex canonica sono: Amici italiani e stranieri di Ala; Euposia Billy Wine Club (per i locali del magazzino, in condivisione con la Pro Loco di Ala); Mindshub (con Radio Ala); Società Filarmonica di Ala; Asd Rari Nantes (locale in condivisione con Ala - Kinpengere Odv); Pro Loco di Ala; Compagnia della Stella; Associazione Teatrale Alense. Queste associazioni sono molto diverse tra loro: si va dalla realtà giovanile nata da pochi anni ai gruppi di volontariato, da quelle con scopo sociale a quelle di tipo ricreativo o artistico. Queste realtà avevano risposto e fatto domanda alla manifestazione d'interesse lanciata dal Comune nel marzo del 2020, in seguito all'acquisizione dello stabile.

Ala, una stanza della casa delle associazioni-2

Il comune, considerato il bisogno di queste otto realtà, aveva deciso di acquistare l'edificio per convertirlo in una “Casa delle associazioni” e anche per valorizzare le stesse associazioni che da diverso tempo sono attive sul territorio. Un'occasione, quella di riunire le diverse associazioni una vicina all'altra, che potrà favorire la collaborazione tra realtà diverse, il trasferimento di esperienze e competenze (tra le associazioni collocate qui ci sono realtà storiche e altre di recente formazione). Si potrà insomma favorire la collaborazione, virtù che già in passato l'associazionismo alense ha dimostrato di avere, dando grandi risultati.

Questo l'amministrazione lo sa bene. “Stiamo cercando di essere vicini alle nostre associazioni e al mondo del volontariato perché è un mondo assolutamente indispensabile ed utile all'amministrazione e alla comunità - spiega il sindaco Claudio Soini -. Le associazioni assicurano aiuto, solidarietà, amicizia e collaborazione, fanno vivere il nostro territorio con le loro manifestazioni ed attività. È giusto poter garantire a loro sia un aiuto economico, tramite l'elargizione di contributi a loro sostegno, sia dare loro una sede ed uno spazio dove ritrovarsi e preparare la loro attività”.

“Non si tratta di premiare oggi queste associazioni a discapito di altre - precisa l'assessora Michela Speziosi - avevamo infatti pubblicato una manifestazione di interesse e queste sono le associazioni che hanno presentato domanda per avere uno spazio. Alcune di loro ci richiedevano da molto tempo uno spazio; con la pandemia il processo si è purtroppo rallentato, ma adesso arriviamo a dare una risposta concreta. Come amministratori siamo contenti di aver potuto dare loro un riscontro alle loro necessità e abbiamo apprezzato soprattutto lo spirito di condivisione e la disponibilità ad essersi occupati dei piccoli lavori di manutenzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La ex canonica diventa la Casa delle associazioni

TrentoToday è in caricamento