Disperso nel lago di Garda, torna all'albergo dopo tre giorni

Lieto fine, quando ormai si erano perse le speranze, per il 42enne padre di famiglia scomparso nelle acque del lago

Tre giorni fa avevamo dato la terribile notizia delle ricerche in corso sul lago di Garda, dove un turista 42enne si era tuffato senza riemergere. Una notizia che lasciava ben poche speranze: a cercarlo, infatti, c'erano anche i Sommozzatori di Milano, non certo specializzati in ricerche di persone vive.

Scompare nel lago, torna dopo tre giorni

L'uomo, in vacanza con la famiglia a Manerba sulla sponda bresciana del lago, si era tuffato di fronte alla moglie ed alle figlie per fare un bagno nelle acque del Garda. Dopo qualche ora, però, la moglie non vedendolo tornare aveva lanciato l'allarme. Le ricerche hanno coinvolto decine di soccorritori di Vigili del Fuoco, Guardia Costiera e forze dell'ordine.

Dopo tre giorni la lieta notizia: l'uomo è vivo. Dopo aver vagato per due giorni nei boschi della zona, evidentemente smarrito, è tornato all'albergo. E' stato portato al Pronto Soccorso per accertamenti, ma non è in pericolo di vita. Ai soccorritori ha detto di essersi ritrovato aggrappato alle rocce in riva al lago, senza ricordarsi nulla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Luci soffuse e radio spenta, così un barbiere di Rovereto taglia i capelli ai bimbi autistici

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Lo spettacolo della 'galaverna' in Valsugana

Torna su
TrentoToday è in caricamento