Messner: "Doppio passaporto austriaco? Anche ai Trentini"

"Anche i trentini hanno diritto al doppio passaporto, hanno difeso la loro Heimat nel 1914-18" così il Re degli Ottomila in Val del Chiese

Doppio passaporto: "un'opportunità che va data anche ai Trentini, anche loro hanno difeso la propria Heimat". Già, all'epoca si chiamava così: "Heimat" ovvero "Patria", quell'Impero Austro-Ungarico sgretolatosi dopo la Grande Guerra. A parlare è il "Re degli Ottomila" Reinhold Messner, intervenuto ieri sera ad un incontro in Valle del Chiese. Il riferimento è alla promessa, prima elettorale ed ora "governativa", del presidente austriaco Kurz di concedere la cittadinanza austriaca agli ex sudditi dell'Impero.

In passato però il campione della montagna aveva bollato il doppio passaporto come "una trappola", clicca qui...

Ovviamente il messaggio era rivolto agli altoatesini, anzi a quelli di lingua tedesca. In realtà qualcuno ha fatto subito notare che anche i trentini all'epoca erano sudditi austroungarici. L'ipotesi è stata introdotta anche Messner: " Chi vive in questa terra, una volta chiamata Welchtirol o Suedtirol, che allora non era Bolzano ma il Trentino, ne deve avere diritto - si legge in una dichiarazione dell'alpinista altoatesino riportata dall'Ansa - Non vogliamo un'altra lite solo perché qualcuno ha l'idea di dare il passaporto solo a un gruppo o a due gruppi linguistici. Non si può dividere il gruppo italiano tra Trentino e Bolzano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

Torna su
TrentoToday è in caricamento