Truffa sulle vendite online, non si contano i casi in Trentino

Nove persone denunciate recentemente dopo un'operazione della Questura di Trento

Ancora truffe sulle vendite di articoli online con pagamenti Postepay. Non si contano i casi da qualche mese a questa parte. Nove le persone, residenti in Veneto ed in Lazio, denunciate di recente dalla Squadra Mobile di Trento per truffe messe a segno in Trentino che potevano fruttare, ogni volta, dai 1.500 ai 4.000 euro.

Ecco come agiscono i truffatori

La modalità è sempre la stessa, l'abbiamo riportata in molti articoli precedenti riprendendo quanto spiegato dalle forze dell'ordine. Ma forse è bene ripeterlo: i truffatori prendono di mira chi ha messo in vendita degli oggetti su internet, attraverso le note piattaforme di vendita/acquisto. 

Una volta contattata la vittima, scelta tra le persone poco pratiche delle operazioni digitali, i truffatori ne carpiscono la fiducia con giri di parole e la convincono del fatto che, per ricevere i soldi, sia necessario fornire il proprio codice, in alcuni casi addirittura i truffatori sono riusciti a convincere le vittime a recarsi presso uno sportello Postamat e digitare il proprio codice.

"Digita il PIN se vuoi essere pagato": occhio alla truffa

I soldi, ovviamente, anzichè entrare nel conto del malcapitato ne escono. In uno dei casi recenti scoperti dalla Questura di Trento il truffatore era riuscito a far ripetere l'operazione alla vittima per ben 7 volte, con la scusa che ogni volta la transazione non fosse andata a buon fine.

I truffatori sfruttano anche una sorta di "impunità" che sembra purtroppo essere garantita dalla rete. "Questo schema di truffa pone molte difficoltà per gli investigatori che sempre più spesso trovano numeri di telefono e carte Postapay intestate a persone fittizie o non censite nel territorio dello Stato, ne  deriva una oggettiva difficoltà di individuazione dell'autore che in diversi casi potrebbe non rispondere del reato" spiega il capo della Mobile Salvatore Ascione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

Torna su
TrentoToday è in caricamento