Novaledo: marcia notturna con le torce contro l'impianto a biomasse

Prosegue la protesta del comitato anti-bruciatore a Novaledo: giovedì sera in marcia con le torce per una manifestazione "illuminata", con dibattito

Prosegue la battaglia dei cittadini di Novaledo e dintorni contrari all'impianto a biomasse di Novaledo Energia, che ha ricevuto l'ok della Provincia. Giovedì sera si terrà, a partire dalla piazza del paese, una marcia di protesta con torce elettriche, durante la quale ci saranno momenti di dibattito e di approfondimento della questione. Sarà anche letta pubblicamente la richiesta rivolta all'azienda Menz&Gasser perchè accantoni il progetto.

Un progetto che viene contestato sotto vari aspetti a partire dal finanziamento da parte dell'ente pubblico, che subito dopo l'approvazione ha invece escluso gli impianti a biomasse dai contributi futuri. Le preoccupazioni sono soprattutto per la qualità dell'aria e la salute dei cittadini. Anche in questo caso la Provincia si è dimostrata "schizofrenica" dal momento che un anno fa ha firmato un accordo con le Regioni per il miglioramento della qualità dell'aria nell'arco alpino.

In Valsugana però le cose non sembrano andare in questo senso. Il comitato dei cittadini, che ha anche mandato un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, punta il dito contro un impianto voluto non per esigenze di produzione, ma per immettere energia elettrica, per un valore di circa 1,6 milioni di euro all'anno, da parte della Menz&Gasser. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento