Malore collettivo per altri due gruppi di studenti nell'hotel di Folgarida

Un secondo caso, dopo quello che alcune settimane fa coinvolse un centinaio di ragazzi. Uno di loro è stato portato in ospedale, ma sta bene. Indagini dei Nas in corso

Nuova emergenza sanitaria nell'albergo di Dimaro, in Trentino, dove alcune settimane fa oltre 100 ragazzi che si trovavano in settimana bianca erano stati colpiti da una sospetta intossicazione. Al termine delle analisi si parlò, più che di intossicazione alimentare di una probabile forma virale, ed è questo il termine usato nella nota con la quale l'Azienda sanitaria comunica questo secondo caso.

Questa volta gli studenti che hanno accusato malesseri sono una trentina. Nulla di grave, precisa la nota. Solamente uno di loro è stato portato in ospedale in via precauzionale. Apss parla di "sospetta forma virale" e anche questa volta si è dato corso alle indagini per individuare le cause.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Folgarida: il virus potrebbe essere stato portato dai ragazzi

Sul posto sono intervenuti i Nas di Trento che hanno acquisito campioni da analizzare, in collaborazione con i tecnici dell'Igiene pubblica. L'Azienda sanitaria sta assistendo, con diversi medici ed infermieri, le due comitive di ragazzi. Anche in questo caso i sintomi sono prevalentemente gastrointestinali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

Torna su
TrentoToday è in caricamento