Morì per contaminazione da amianto: i figli risarciti dopo 8 anni

Risarcimento da un milione di euro e condanna, poi sospesa, ad un anno di reclusione per l'ex presidente dell'Ospedalino

Si è conclusa con una condanna, poi sospesa, ad un anno di reclusione ed un risarcimento da un milione di euro per l'ex presidente dell'Ospedalino di Trento, Fernando Cioffi, la vicenda di Paolino Tonidandel, operaio deceduto nel 2009 all'età di 67 aanni per un mesotelioma pleurico, tuore collegato alla contaminazione da amianto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il proscioglimento iniziale la Cassazione aveva accolto nel 2014 il ricorso dei familiari dell'uomo, che aveva lavorato per 37 anni come manutentore sui tetti, compresi quelli dell'Ospedalino degli Angeli in via della Collina a Trento, allora in funzione come nosocomio infantile. Sul tetto dell'edificio erano presenti anche coperture in amianto. Ieri la condanna è stata comunicata a Fernando Cioffi, presidente della struttura ospedaliera all'epoca dei fatti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento