Cocktail e birra nascosti nella neve a bordo pista, forse un "bar clandestino" per minori

I carabinieri hanno trovato casse di birra e bottiglie di vodka nascosti tra le frasche ad Obereggen, seguiranno ulteriori indagini

Bottiglie di superalcolici e lattine di birra nascoste nella neve a bordo pista. Non si tratta della "scorta privata" di qualche sciatore assetato (sciare in stato di ebbrezza è peraltro vietato, qui il video della Polizia che spiega le norme di comportamento sulle piste). Quello che i Carabinieri hanno scoperto nel comprensorio sciistico di Pampeago/Obereggen, a cavallo tra Alto Adige e Trentino, sembra essere un vero e proprio spaccio abusivo di alcol.

Prosecco ai minorenni, bar multato

Dopo vari servizi di osservazione i carabinieri-sciatori hanno scovato un nascondiglio sotto le frasche degli abeti a bordo pista dove persone per ora ignote tenevano nascosto un piccolo "tesoro": 52 lattine di birra, 2 bottiglie di plastica da 2 litri contenenti long-drink già preparati e 4 bottiglie di vodka. Il ritrovamento, oltre alle bevande, di bicchieri di plastica ha fatto nascere il sospetto che tutto il materiale potesse essere utilizzato per la somministrazione dietro compenso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spinello sulle piste, giovane segnalato

Si tratta solo di un'ipotesi, ma nel dubbio il fatto è stato segnalato alla Procura di Bolzano. Più precisamente il sospetto è che il piccolo "bar clandestino" fosse stato realizzato per la vendita di alcolici ai minorenni, ai quali l'alcol è vietata la somministrazione nei bar normali. Per questo motivo la segnalazione è stata presa in carico dalla Procura per i Minori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

Torna su
TrentoToday è in caricamento