Picchiato davanti al Castello del Buonconsiglio per 30 euro: arrestati gli aggressori

I ladri lo avevano picchiato, procurandogli lesioni guaribili in 20 giorni, per poi fuggire con 30 euro: ora sono stati identificati ed arrestati

Via dei Ventuno a Trento

Venti giorni di prognosi per 30 euro. E' successo ad un ragazzo marocchino, aggredito e rapinato da due connazionali a Trento. L'episodio è avvenuto nella centralissima via dei Ventuno, per intenderci: la via che passa davanti al Castello del Buonconsiglio, uno dei simboli della città.

La zona non è nuova a fatti simili: l'11 luglio scorso un ragazzo venne trovato all'alba riverso a terra, privo di sensi, in piazza Mostra, attigua a via dei Ventuno. Poco dopo vennero denunciati due giovani di nazionalità albanese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In quel caso l'aggressione era scaturita da futili motivi. Questa volta ci sarebbero i soldi alla base del gesto. Secondo quanto riporta una nota della Questura il ragazzo sarebbe stato avvicinato da due connazionali che lo avrebbero picchiato selvaggiamente, procurandogli lesioni guaribili in 20 giorni, per poi fuggire con il misero bottino di 30 euro. I due sono stati arrestati per rapina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento