Val d'Orcia consistente per clacson motorsport

Pioner allunga in vetta al Raceday mentre l'evento di apertura del Campionato Italiano Rally Terra Storico vede la lotta in casa tra Galluzzi e Costa, con il primo vincitore.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Il Rally della Val d'Orcia regala grosse soddisfazioni a Clacson Motorsport, grazie a tre risultati utili siglati da altrettanti portacolori del team con base a Strigno. Ancora una volta, purtroppo, in solitaria la partecipazione di Maurizio Pioner nella classe S1600, vinta a tavolino in partenza, ma condita questa volta da una bella seconda posizione nella generale di gruppo A e, soprattutto, da un cospicuo bottino di punti che gli permette di allungare in vetta al raggruppamento D nel challenge Raceday Rally Terra, salito a quota 41,6 contro i 32 di Ciofolo, ed in quello griffato Pirelli, stessi attori ma divario salito a sette punti.

Il pilota della Suzuki Swift Super 1600, affiancato da Bruna Ugolini, consolida anche il terzo gradino del podio nella speciale classifica riservata ai senior, in uno stato di forma eccezionale. “Abbiamo allungato ulteriormente in campionato” – racconta Pioner – “ed è questo che conta maggiormente. Il percorso di gara qui è bellissimo e, dopo un primo passaggio di rodaggio con gomme nuove, abbiamo migliorato tantissimo nel secondo e nel terzo. Siamo molto contenti. La Suzuki si è comportata benissimo così come tutto il team. Più stiamo sopra e più si cresce”.

Nel recente fine settimana, sui medesimi sterrati toscani, apriva i battenti anche il Campionato Italiano Rally Auto Storiche con Clacson Motorsport al via con due punte ben affilate. Lotta tutta in famiglia, in classe A/N-J2/1600, tra le eterne Opel Corsa GSI gruppo A, guidate da Roberto Galluzzi e da Corrado Costa, terminati nell'ordine alla fine della giornata di gara. Il pilota di Fabbrica di Peccioli, affiancato da Andrea Montagnani, ha avuto la meglio sul sammarinese, assieme a Domenico Mularoni, lasciando a quest'ultimo solo lo scratch finale. Tanta la soddisfazione in casa del team trentino, per aver sfiorato anche il podio assoluto di quarto raggruppamento, con Galluzzi, e per aver raccolto importanti punti in chiave CIRTS. La sesta e la settima piazza nella generale sono le ciliegine sulla torta di un weekend perfetto.

“Siamo partiti subito forte, cercando di dare il massimo” – racconta Galluzzi – “ed infatti ci siamo subito piazzati al sesto assoluto, nonostante qualche difficoltà di vista per via della tanta nebbia. Sulla quarta abbiamo rischiato, prendendo uno scalino che ci ha scomposti, per gestire il rientro dei nostri avversari. È la seconda volta che uso la Corsa ma il feeling è buono, grazie anche al lavoro del team Clacson Motorsport. Siamo entusiasti, non potevamo chiedere di più.”

“Trasferta ottima, tutto è andato per il verso giusto” – gli fa eco Costa – “ed il gusto maggiore lo abbiamo provato nel correre su un tracciato così veloce. Vivere una speciale in apnea dà sempre tanta adrenalina. Auto e team impeccabili, ci siamo trovati benissimo. Peccato per un piccolo ritocco di estetica che abbiamo apportato, girandoci e toccando leggermente, ma Diego ed i ragazzi di Clacson Motorsport hanno ripristinato anche quello. Abbiamo corso tirando, sempre sino all'ultimo metro di gara, ed infatti siamo riusciti a recuperare una posizione nell'assoluta sull'ultima prova speciale, per un solo decimo. Siamo decisamente soddisfatti.”

Torna su
TrentoToday è in caricamento