menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Volley, playoff scudetto: Itas testa di serie

La Trentino volley sfida San Giustino. L'allenatore Stoytchev: "I benefici saranno soprattutto per lo spettacolo, il pathos e per quelle compagini che giungeranno a questo appuntamento senza aver nulla da perdere"

Scattano i playoff scudetto 2012. In virtù della vittoria della regular season, l’Itas Diatec Trentino si presenta al tabellone come testa di serie numero uno ed affronterà, nella rinnovata formula a concentramento dei quarti di finale, l’ottava classificata M. Roma Volley e la dodicesima Energy Resources San Giustino. Questa sera si giocherà la prima gara del girone A, che si articolerà al PalaTrento sino a lunedì 9 aprile: i gialloblù sfideranno a partire dalle ore 17.30 proprio la formazione umbra. Diretta tv su Rai Sport 1. 

Dopo aver dominato la regular season 2011/12, chiusa con quattordici punti di vantaggio sulla prima inseguitrice, la squadra Campione del Mondo e d’Italia in carica si propone a questo appuntamento con l’assoluta determinazione di difendere nel miglior modo possibile lo scudetto vinto lo scorso 15 maggio al PalaLottomatica di Roma. La corsa verso il V-Day del 22 aprile al Forum di Assago sarà particolarmente breve (i playoff si concluderanno nel giro di due settimane) ma molto intensa e ricca di insidie, a partire già da domani sera quando con San Giustino prenderà il via un girone di quarti di finale in cui sarà solo Trento a dover dimostrare qualcosa.
 
L’allenatore gialloblù Radostin Stoytchev, alla quinta partecipazione assoluta alla fase post season (in cui ha centrato sempre almeno la finale), lo sa perfettamente e non lo nasconde: “La formula dei quarti riserva parecchie insidie soprattutto per le squadre che si sono classificate ai primi posti della regular season – spiega il tecnico bulgaro - . So perfettamente che i tempi per concludere la stagione quest’anno erano particolarmente stretti ma va anche detto che giocarsi in due partite secche quanto fatto durante le precedenti ventisei giornate di campionato è un grosso rischio. I benefici saranno soprattutto per lo spettacolo, il pathos e per quelle compagini che giungeranno a questo appuntamento senza aver nulla da perdere. San Giustino è sicuramente una di queste: l’aver centrato la salvezza all’ultima giornata e disporre di questa ulteriore possibilità nei playoff saranno due fattori motivazionali in più con cui dovremo fare i conti domani. L’arrivo in panchina di Held e nel ruolo di opposto di Patak hanno innalzato sicuramente il suo valore; sono convinto che potrà darci molto fastidio anche grazie alla presenza in rosa di due palleggiatori di valore simile che spesso vengono avvicendati in campo”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Bollettino coronavirus, i dati del 6 maggio

  • Attualità

    Palazzo Geremia si illumina per Patrick Zaki

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento