Pilota trentino in Brasile per difendere il titolo mondiale di volo in deltaplano

Christian Ciech, campione del mondo e d'Europa in carica, e la nazionale italiana deltaplano difenderanno i titoli mondiali singolo e a squadre in Brasile, nella Valle di Paraná

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

La nazionale italiana di deltaplano, otto volte campione del mondo e quattro d’Europa, è decollata alla volta del Brasile per difendere l’ultimo titolo conquistato nel 2015 in Messico. La prima manche del mondiale 2017 sarà disputata il 9 agosto e poi un volo al giorno, meteo permettendo, fino al 18. Sono presenti 140 piloti in rappresentanza di 29 nazioni. Sito di gara la Valle di Paraná nei pressi di Formosa, comune dello Stato del Goiàs, a circa 92 km dalla capitale federale Brasilia, valle che gode di un clima secco e vento costante. Decollando dal pendio affacciato sulla valle, a circa 1000 metri di quota, i piloti si impegneranno in percorsi aerei contrassegnati da punti salienti del territorio, detti boe, che dovranno aggirare prima di toccare l’atterraggio.

La corretta esecuzione del tragitto è confermata dal GPS in dotazione ad ogni pilota. Elaborando i dati registrati dagli apparecchi si evince la classifica che premia chi ha impiegato minor tempo. La somma dei punteggi ottenuti ogni giorno di gara stabilisce le classifiche, individuali e per nazioni. La Federazione Aeronautica Internazionale (FAI) proclamerà i vincitori il 19 agosto, data di chiusura dei mondiali. Gli azzurri: Christian Ciech, ingieniere di Folgaria trapiantato a Varese, Alessandro Ploner, di San Cassiano (Bolzano), Davide Guiducci di Villa Minozzo (Reggio Emilia), il padovano Valentino Bau, Filippo Oppici di Parma, il ciociaro Marco Laurenzi ed il CT Flavio Tebaldi di Venegono Inferiore (Varese). Ciech, campione del mondo e d’Europa in carica, e Ploner i piloti di punta del team. Sette i loro titoli mondiali in carriera.

Torna su
TrentoToday è in caricamento