Sabato, 13 Luglio 2024
Sport Centro storico

L'Itas cede il passo a Piacenza. Si allunga la serie della finale scudetto

Il fattore campo si conferma anche in gara 2 di Finale Scudetto Linkem Cup 2013. Come era accaduto al PalaTrento giovedì scorso, è stato quindi il Pala Banca a far valere la propria legge in occasione della seconda partita


Il fattore campo si conferma anche in gara 2 di Finale Scudetto Linkem Cup 2013. Come era accaduto al PalaTrento giovedì scorso, è stato quindi il Pala Banca a far valere la propria legge in occasione della seconda partita,


Per la squadra di Stoytchev si tratta del primo ko nei Play Off Scudetto 2013 e arriva dopo undici vittorie consecutive fra regular season (7), quarti di finale (2), semifinale (2) e finale (1). Il rovescio pone fra l’altro la parola fine anche alla striscia di nove successi di fila nello scontro diretto con gli emiliani. Mercoledì 1 maggio al PalaTrento si ripartirà quindi come se nulla fosse sin qui accaduto, con la consapevolezza che fra sette giorni (domenica 5 maggio) si dovrà tornare in Emilia per gara 4.
Per replicare all’identico 3-1 gialloblù di giovedì sera, Piacenza ha dovuto attingere a tutte le qualità del proprio gioco; attacco, muro e soprattutto la battuta (11 ace subiti) hanno messo con le spalle al muro l’Itas Diatec Trentino a partire dal secondo set, dopo che i gialloblù avevano avuto un approccio migliore alla partita rispetto ai padroni di casa. Ritrovata maggiore efficienza col servizio ed un piglio più deciso a rete (decisivo Zlatanov con 19 punti ed il 56%, mvp del match) la Copra ha coronato nel migliore dei modi la propria rimonta dominando il terzo set e dimostrando di aver maggior freddezza fra secondo e quarto parziale, lottati punto a punto sino all’ultimo. Il tabù gara 2 di finale rimane tale, ma per la squadra di Stoytchev restano comunque le incoraggianti prove di Kaziyski (56% in attacco con un muro ed un ace), Birarelli (2 block, un punto in battuta ed il 62% in primo tempo) e del libero Bari (71% di positività, 65% di palle perfette) a testimoniare che l’Itas Diatec Trentino ha venduto cara la pelle.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Itas cede il passo a Piacenza. Si allunga la serie della finale scudetto
TrentoToday è in caricamento