Martedì, 16 Luglio 2024
Sport

SERIE C - Il Trento attende il Pordenone

Gialloblù senza Carletti

Seconda sfida casalinga nel giro di sette giorni per il Trento, che sabato pomeriggio (calcio d’inizio alle ore 14.30) ospiterà al “Briamasco” il Pordenone, attualmente terzo della fila ad una lunghezza di distanza dalla coppia di testa formata da Pro Sesto e Feralpisalò, nell’impegno valevole per la 28esima giornata - la nona del girone di ritorno - del campionato di serie C.

I gialloblù sono in striscia positiva da nove turni, segnatamente dal 17 dicembre scorso: il pari ottenuto a Novara ha inaugurato un filotti di risultati utili, che ha portato in dote complessivamente 21 punti su 27 disponibili per effetto di 6 successi e 3 pareggi.

Attualmente il Trento è 14esimo in classifica, con 33 punti realizzati per effetto di 9 vittorie (contro Pro Vercelli, Pro Patria, Lecco all’andata, Juventus Next Gen, Pro Vercelli, Sangiuliano City, Mantova, Triestina e Renate al ritorno), 6 pareggi (contro Triestina, Arzignano Valchiampo, Piacenza, Pro Sesto e Novara all’andata, Arzignano Valchiampo al ritorno) e 11 sconfitte (contro Juventus Next Gen, Sangiuliano City, Mantova, Renate, Pordenone, Pergolettese, Virtus Verona, Feralpisalò, L.R. Vicenza, Padova e AlbinoLeffe all’andata), con uno score di 31 reti realizzate e 32 subite.

Il Pordenone occupa, invece, la terza posizione con 46 punti conquistati in virtù di 12 successi (contro Triestina, Virtus Verona, Sangiuliano City, Arzignano Valchiampo, Trento, Pergolettese, Lecco, Piacenza, Novara all’andata, Triestina, Juventus Next Gen e Sangiuliano City al ritorno), 10 pareggi (contro Juventus Next Gen, Renate, Pro Sesto, Pro Patria, L.R. Vicenza e AlbinoLeffe all’andata, Virtus Verona, Padova, Renate e Mantova al ritorno) e 5 sconfitte (conro Padova, Mantova, Feralpisalò e Pro Vercelli all’andata, Arzignano Valchiampo al ritorno), con uno score di 43 reti realizzate e 25 al passivo.

La biglietteria del “Briamasco” aprirà alle ore 11. Via Sanseverino verrà chiusa al traffico a partire dalle ore 13, mentre i cancelli dello stadio apriranno alle ore 13.30.

La sfida tra Trento e Pordenone sarà trasmessa in diretta streaming su Eleven Sports (servizio a pagamento) con il commento di Stefano Carta.

Così in campo.

Mister Tedino dovrà fare a meno dell’indisponibile Carletti, dei lungodegenti Brighenti, Osuji e Cazzaro e ha convocato 23 giocatori.

I nostri avversari.

Fondato nel 1920, e successivamente rifondato prima nel 1927 e poi nel 2004, il Pordenone nel recente passato ha militato per tre stagioni consecutive in serie B (dal 2019 al 2022).

Sulla panchina friulana siede dalla scorsa estate l’esperto Domenico Di Carlo, ex tecnico di Mantova (C2, C1 e B), Parma (A), Chievo (A), Sampdoria (A), nuovamente Chievo (A), Livorno (A), Cesena (A), Spezia (B), Novara (B), Chievo (A) e L.R. Vicenza (C e B). Gli elementi di spicco dell’organico pordenonese sono il portiere Marco Festa (ex Crotone in serie A, B e C, ex Mantova e Portogruaro in serie C), i difensori Arlind Ajeti (ex Basilea e Grasshopper in Super League svizzera, ex Frosinone, Torino e Crotone in serie A, ex Reggiana in serie B e Padova in serie C, ex Vejle in Superligaen danese, con all’attivo 22 presenze in nazionale albanese) e Amedeo Benedetti (ex Pro Patria, Pisa, Reggina, Lumezzane e Cittadella in serie C, con cui ha disputato anche gli ultimi 6 campionati di serie B), i centrocampisti Salvatore Burrai (2 presenze in serie A con il Cagliari, 2 stagioni in serie B con Modena e Perugia e 15 campionati in serie C con Manfredonia, Ternana, Cremonese, Foggia, Latina, Monza, Juve Stabia, Robur Siena, Pordenone e Perugia), Marco Pinato (ex Lanciano, Vicenza, Latina, Venezia, Pisa, Pordenone e Spal in serie B) e Francesco Deli (ex Foggia, Cremonese e Pordenone in serie B, ex Paganese e Foggia in serie C) e gli attaccanti Simone Magnaghi (12 stagioni in C con Tritium, Viareggio, Virtus Entella, Prato, Venezia, Cremonese, Taranto, Pordenone, Teramo, Südtirol e Pontedera), Leonardo Candellone (ex Ternana e Pordenone in serie B, già in C con Gubbio, Südtirol, Pordenone e Bari) e Simone Edera (38 partite e 2 reti in serie A con Torino e Bologna), quest’ultimo arrivato nel corso del mercato di gennaio.

Per l’impegno di sabato il Pordenone non potrà contare sugli squalificati Ajeti, Benedetti e Giorico.

I colori sociali dei friulani sono il nero e il verde

Gli ex della partita.

Sono ben sette tra campo, panchina e scrivania, tutti tra le fila gialloblù, gli ex della sfida, a cominciare da mister Bruno Tedino, che del Pordenone è stato allenatore dal 1999 al 2001, dal 2015 al 2017 e anche nella seconda parte della scorsa stagione. Con lui nelle ultime due esperienze anche il “vice” Carlo Marchetto, suo braccio destro anche al Trento.

Ex di turno è anche il Direttore Sportivo Giorgio Zamuner, nell’annata 2015-16 “uomo mercato” del Pordenone, mentre tra i giocatori Alberto Barison (4 stagioni, 3 in serie B e 1 in serie C, dal 2018 al 2022), Sergiu Suciu (2016 - 2017) e Filippo Damian (2018 - 2019) hanno indossato la maglia neroverde. Tomi Petrovic, infine, non ha mai militato nel Pordenone, pur essendo attualmente di proprietà del Club friulano.

I precedenti.

Quella di sabato sarà la quinta sfida in ambito professionistico tra le due formazioni allo stadio “Briamasco”. I tre precedenti recitano 1 vittoria gialloblù (4 a 1 nella Coppa Italia di serie C nella stagione 1985-86) e 3 pareggi (tutti per 0 a 0, l’ultimo in serie C2 2002-03).

Così all’andata.

Il match d’andata, disputato lo scorso 20 ottobre allo stadio “Teghil” di Lignano Sabbiadoro, si concluse con il successo per 2 a 0 del Pordenone con doppietta di Deli.

PORDENONE - TRENTO 2-0 (0-0)

PORDENONE (4-3-1-2): Festa; Bruscagin, Ajeti, Bassoli, Benedetti; Torrasi (13’st Deli), Burrai (24’st Giorico), Pinato (33’st Biondi); Zammarini; Magnaghi (33’st Dubickas), Piscopo (13’st Candellone).

A disposizione: Martinez, Turchetto, Maset, La Rosa, Biscontin, Ingrosso, Baldassar.

Allenatore: Domenico Di Carlo.

TRENTO (3-5-1-1): Marchegiani; Ferri, Trainotti, Garcia Tena; Galazzini, Ballarini (30’st Ianesi), Cittadino (15’st Mihai), Damian, Fabbri; Belcastro (15’st Saporetti); Bocalon (15’st Brighenti).

A disposizione: Tommasi, Ruffo Luci, Matteucci, Dalla Francesca, Scirè.

Allenatore: Bruno Tedino.

ARBITRO: Panettella di Bari (Assistenti: Torresan di Bassano del Grappa e Toce di Firenze. IV Ufficiale: Bellò di Castelfranco Veneto).

RETI: 26’st e 47’st Deli (P).

NOTE: serata calda. Campo in perfette condizioni. Spettatori 600 circa. Ammoniti Giorico (P), Ajeti (P) , Ferri (T), Ballarini (T), Mihai (T) per gioco falloso. Calci d’angolo 8 a 3 per il Pordenone. Recupero 0’ + 4’.

La terna arbitrale.

A dirigere la sfida tra Trento e Pordenone sarà Kevin Bonacina, appartenente alla sezione di Bergamo, alla sua seconda stagione in Can C. Sino a questo momento ha diretto 21 gare di campionato e 9 tra campionato e Coppa Italia “Primavera”.

Gli assistenti saranno Antonio Piedipalumbo e Marco Cerilli, appartenenti rispettivamente alle sezioni di Torre Annunziata e Latina, con Fabio Cevenini - della sezione di Siena - nelle vesti di Quarto Ufficiale.

Il programma della 28esima giornata.

Sabato 18 febbraio 2022.

Novara - Pro Sesto (ore 14.30)

Renate - Piacenza (ore 14.30)

Trento - Pordenone (ore 14.30)

Arzignano Valchiampo - AlbinoLeffe (ore 17.30)

Padova - Triestina (ore 17.30)

Pro Patria - Pergolettese (ore 17.30)

Pro Vercelli - Virtus Verona (ore 17.30)

Sangiuliano City - Feralpisalò (ore 17.30)

Domenica 19 febbraio 2023.

Juventus Next Gen - Lecco (ore 12.30)

Mantova - L.R. Vicenza (ore 14.30)

La classifica (dopo 27 giornate).

Feralpisalò e Pro Sesto 47 punti; Pordenone 46; Lecco 45; L.R. Vicenza 44; Pro Patria 43; Renate 39; Arzignano Valchiampo e Juventus Next Gen 38; Novara 37; Pro Vercelli e Padova 35; AlbinoLeffe e Trento 34; Virtus Verona 32; Sangiuliano City e Mantova 31; Pergolettese 30; Piacenza 24; Triestina 22.

I convocati.

Portieri: Desplanches (2003); Marchegiani (1996); Tommasi (2004).

Difensori: Barison (1994); Fabbri (1990); Ferri (1991); Galazzini (2000); Garcia Tena (1995); Semprini (1998); Simonti (2000); Trainotti (1993); Vitturini (1997).

Centrocampisti: Attys (2001); Ballarini (2001); Damian (1996); Di Cosmo (1998); Garofalo (1999); Sangalli (2002); Suciu (1990).

Attaccanti: Pasquato (1989); Petrovic (1999); Sipos (2000); Terrani (1994).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SERIE C - Il Trento attende il Pordenone
TrentoToday è in caricamento