rotate-mobile
Sport

SERIE B – Javorcic: “Grazie Südtirol, ora testa al Venezia”

“L’incontro con il presidente Niederauer è stata la chiave di tutto, abbiamo parlato non solo di calcio, ma anche di quello che deve essere l’approccio nel quotidiano e della nostra filosofia di vita e di lavoro. Ciò che mi ha spinto a questa scelta è stato il peso specifico che ho captato nel presidente e nei suoi partner, che mi sono parsi persone di un’immensa caratura, sia professionale che umana”

VENEZIA – Le principali dichiarazioni di Ivan Javorcic, neo allenatore del Venezia, rilasciate nel corso della presentazione del nuovo allenatore del club lagunare:

“Ringrazio il presidente per la fiducia che lui e i suoi partner hanno riposto in me. Vorrei anche ringraziare l’FC Südtirol per la splendida e intensa esperienza che abbiamo vissuto insieme, scrivendo la storia del club nella passata stagione, perché è anche grazie a loro se oggi ho l’opportunità di trovarmi qui.
L’incontro con il presidente Niederauer è stata la chiave di tutto, abbiamo parlato non solo di calcio, ma anche di quello che deve essere l’approccio nel quotidiano e della nostra filosofia di vita e di lavoro. Ciò che mi ha spinto a questa scelta è stato il peso specifico che ho captato nel presidente e nei suoi partner, che mi sono parsi persone di un’immensa caratura, sia professionale che umana. La squadra viene da una retrocessione, quindi il primo obiettivo sarà quello di ricostruire una mentalità vincente dal punto di vista dell’approccio al lavoro, ricreare una forte identità di gioco, e rinsaldare il feeling con i nostri tifosi. Tutto ciò che verrà sarà una conseguenza dell’etica del lavoro nel quotidiano.
Il Venezia è un club che per la sua storia deve essere ambizioso: noi dobbiamo essere pronti a competere ai massimi livelli in una Serie B che sarà molto difficile e allo stesso tempo molto stimolante, con molte piazze importanti con obiettivi simili ai nostri. Dobbiamo ricreare l’entusiasmo, la motivazione, partire dei rapporti umani, lavorare sulla singola persona e dare grande valore al quotidiano. Partendo da queste basi, tutto il resto si costruisce con il tempo: sarà un percorso duro, ma che faremo con le persone giuste, ovvero quelle che saranno in grado di dedicarsi in maniera totale al progetto di questo club.
Non è questione di attacco o difesa, è una questione di squadra. La solidità della stessa non dipende solo dalla difesa, ma dalla collettività, e lo stesso vale per l’efficacia offensiva. Le fasi di gioco sono profondamente interconnesse fra di loro, motivo per cui sono assolutamente convinto che tutto dipenda da come si controlla la palla e il possesso. Una buona difesa parte dall’attacco e viceversa, bisogna essere impeccabili in ogni fase, nella complessità e globalità del gioco.
Sono in Italia da 25 anni, e questo paese è ormai parte della mia vita sia a livello personale che professionale. Spalato è una città con una grande cultura sportiva e che è anche legata a Venezia dai tempi della Serenissima. Io spero di poter seguire le orme di miei concittadini che sono diventati allenatori importanti come Juri? o Tudor, che per me sono un riferimento”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SERIE B – Javorcic: “Grazie Südtirol, ora testa al Venezia”

TrentoToday è in caricamento