rotate-mobile
Sport Centro storico / Via Ezio Maccani

Caso Schwazer, parla l'avvocato: "Andiamo avanti sul piano legale"

Dal punto di vista sportivo la squalifica ad otto anni è inappellabile, ma rimangono aperti diversi risvolti legali sul caso del marciatore altoatesino

"Alex è abbattuto: è assurdo ritenere che un atleta sia  impazzito e si sia pagato 60 test in quattro anni al puno che 59 risultino negativi  ed uno positivo". A parlare è il legale di Schwazer, che ai microfoni dell'Ansa ha dichiarato che il marciatore è tornato in Italia da due giorni, dopo la squalifica di otto anni per il secondo caso  di doping.

Un caso sul quale rimangono ancora molte ombre, che l'avvocato Branstätter ha detto di voler dissipare: "Andiamo avanti sul piano legale" ha detto riferendosi alla denuncia fatta presso la  Procura di Bolzano, ed ha parlato anche di una telefonata ricevuta da un funzionario della Iaaf all'indomani della sentenza. "Mi hanno chiamato con tono minaccioso - ha dichiarato l'avvocato ai cronisti dell'Ansa - mi hanno detto che stanno seguendo tutto ciò che faccio, e di stare attento". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Schwazer, parla l'avvocato: "Andiamo avanti sul piano legale"

TrentoToday è in caricamento