Portiere in coma dopo l'infortunio in partita: anche bomber Pinamonti scende in campo per Diego

Continua la raccolta fondi a sostegno della famiglia, all'asta le maglie di Genoa e Nazionale del calciatore trentino

Anche bomber Pinamonti scende in campo per Diego: la maglia del Genoa FC numero 99 e quella della Nazionale Italiana Under 21 di Caldio numero 9 saranno messe all'asta nella raccolta fondi a favore della famiglia del portiere della Redival che da due anni "lotta per difendere la porta della sua vita" con il sostegno della famiglia.

Diego Canella è rimasto vittima di un gravissimo infortunio sul campo il 30 aprile 2017. Aveva 24 anni all'epoca. In seguito all'infortunio fu sottoposto ad un delicato intervento chirurgico al cervello. Per lungo tempo è rimasto in coma, poi, con fatica, dopo un parziale risveglio ha intrapreso un difficile percorso di cure riabilitative. La partita più difficile. 

Grazie alla generosità di tati sostenitori, ed alla collaborazione di calciatori professionisti che, come Dennis Pinamonti, hanno messo all'asta le loro maglie ufficiali, i promotori della raccolta fondi, tra cui la Lega Nazionale Dilettanti e la FIGC hanno raccolto quasi 25.000 euro. La raccolta fondi terminerà a Natale 2019. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il denaro raccolto servirà a sostenere le cure necessarie ed all'adeguamento della sua casa a Pejo, ma il sostegno raccolto serve anche a far sentire la solidarietà del mondo sportivo a Diego ed alla sua famiglia. Ecco come contribuire: clicca qui per accedere alla pagina della raccolta fondi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

  • Coronavirus, i decessi aumentano: 15 in un giorno, tra cui una donna di 49 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento