rotate-mobile
Sport

Pioner è quinto assoluto al valpolicella storico

Il pilota di Mezzocorona è anche terzo di raggruppamento e primo di classe mentre tra le moderne il giovane Piras sale sul gradino più basso del podio in Under 25.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Terminate le vacanze anche in casa Clacson Motorsport e, da un Rally della Valpolicella più che proficuo, sono subito arrivate le prime soddisfazioni. La squadra corse con base a Strigno scendeva in campo in terra scaligera, tra Venerdì e Sabato, con due portacolori spinti da diverse ambizioni, sia nello storico che nel moderno. Proprio dalle regine del passato è giunto il risultato più prestigioso, grazie ad un Maurizio Pioner che, in coppia con Bruna Ugolini su un'Opel Corsa GSI gruppo A, ha mostrato i muscoli. Nonostante le elevate temperature, al limite della praticabilità, il pilota di Mezzocorona ha firmato la quinta piazza nella classifica assoluta, la terza in quarto raggruppamento nonché la vittoria in classe J2-A/1600, collezionando il secondo successo di categoria targato 2023. “In questi due giorni abbiamo sofferto tutti un gran caldo” – racconta Pioner – “e, a memoria personale, non ricordo di aver mai corso in vita mia con quaranta gradi di temperatura esterna. Nonostante questo siamo partiti cauti sulle prime due in notturna, molto insidiose, per poi dare il massimo sulle restanti otto. Già dalla terza abbiamo alzato il ritmo, senza comunque correre rischi, perchè tutte le prove nascondevano varie insidie. Un percorso stretto, con vegetazione ai lati che ti toglieva la vista e cambi di luce repentini. Questo ci imponeva una guida pulita ma ci tenevamo a fare una bella prestazione e direi che è arrivata. Siamo soddisfatti del nostro risultato, grazie anche ad un'Opel Corsa GSI che si è comportata egregiamente.

Questo piazzamento è il premio per tutto il team Clacson Motorsport ed in particolare per Diego.” A fargli compagnia, impegnato tra le moderne con una Peugeot 106 Rallye di gruppo N, ci ha pensato Sean Piras, neo arrivato per la compagine di Strigno con al fianco Stephan Telch. Il pilota di Pergine Valsugana, dopo aver squarciato una gomma durante lo shakedown, partiva cauto nella frazione serale del Venerdì, puntando ad aumentare il passo l'indomani. Un problema di natura tecnica, il motore che andava in protezione per le elevate temperature, rallentava il passo del giovane trentino, bravo a non perdere la concentrazione ed a concludere con un buon quarto posto in classe N2 e con il terzo tra le giovani promesse dell'Under 25. “Non sono completamente soddisfatto” – racconta Piras – “perchè solo nella seconda parte della penultima e nell'ultima prova sono riuscito a guidare come avrei voluto fare per tutto il rally. Sono stato molto cauto, praticamente in tutte le frenate ed anche nelle curve veloci. L'errore dello shakedown mi ha tolgo fiducia e non volevo commetterne altri. Siamo anche contenti perchè dove sbagliavamo, al primo passaggio, riuscivamo poi a correggerci ed anche il mio navigatore, al suo debutto, è stato bravo. Sono ancora nella fase dove devo fare esperienza e con questo rally ho dei dati e fatti da poter analizzare per capire come crescere. Grazie a tutti i partners ed alle persone che credono in me, caricandomi. Un enorme ringraziamento a Clacson Motorsport ed in particolare a Diego. Tutto il team mi ha sempre ascoltato, riuscendo a rispondere al meglio ad ogni dubbio che avevo. Avanti la prossima.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pioner è quinto assoluto al valpolicella storico

TrentoToday è in caricamento