Miss Italia sarà la madrina della Marcialonga, cannoni sparaneve in azione da oggi per preparare la pista

Sarà Miss Italia a dare il via ai 7500 sciatori attesi alla partenza il 28 gennaio 2018 nelle valli di Fiemme e Fassa

Sarà Alice Rachele Arlanch, ovvero Miss Italia 2017, a dare il via ai 7500 fondisti attesi alla  linea di partenza della Marcialonga 2018. La novità è stata annunciata ieri a Milano durante la conferenza stampa di presentazione della nuova edizione di una delle competizioni sciistiche più amate del Mondo. Una realtà che può contare su 1500 volontari, oltre che sulle migliaia di iscritti attesi nelle valli di Fiemme e Fassa il 28 gennaio.

La presenza della miss, la seconda trentina ad essere incoronata reginettta di bellezza nazionale, non oscurerà però "la figlia del Sole" ovvero la Soreghina, vera e propria madrina della Marcialonga, eletta a furor di popolo ogni anno dal 2002. Parola ad Eleonora Dellantonio, Soreghina in carica: “Il ruolo che mi è stato conferito è molto importante poiché Marcialonga è emblema dell’amicizia tra i popoli e della cooperazione tra le Valli, un festival del volontariato e dell’altruismo”. Intanto in Val di Fiemme e Val di Fassa da oggi sono in azione i cannoni sparaneve per l'innevamento artificiale della pista. Da due anni a questa parte infatti la gara si è dovuta svolgere su un percorso accorciato, proprio per la  mancanza di neve. Anche quest'anno gli occhi sono puntati al cielo in attesa dei fiocchi  bianchi ma le cime innevate dei monti circostanti fanno ben sperare-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento