Campionato del Mondo di pesca in Valle di Sole dal 1 al 5 giugno

Obiettivo, le splendide trote della Val di Sole, da prendere e poi rilasciare nuovamente in acqua una volta convalidata la cattura da parte dei giudici di gara

Dal 1 al 5 giugno 2017 la Valle di Sole, in Trentino, sarà teatro del 15/o Campionato del Mondo Predatori con esche artificiali da riva. L'appuntamento è stato presentato oggi a Trentino Marketing dall'assessore provinciale allo Sport, Tiziano Mellarini, da Stefano Trenti, presidente della Fipsas Trentino, Luciano Rizzi e Fabio Sacco, presidente e direttore dell'Apt Val di Sole, e da Maurizio Rossini, ceo di Trentino Marketing. Alla manifestazione, organizzata dal Comitato provinciale Fipsas, parteciperanno pescatori provenienti da 17 nazion.

La tecnica di pesca prevista - da riva (lo "spinning") - è di tipo no kill, rispettosa dell’ambiente e dei pesci, mirata alla cattura con una tecnica che sfrutta esche artificiali in metallo, legno o plastica e con ami senza ardiglione. Obiettivo, le splendide trote della Val di Sole, da prendere e poi rilasciare nuovamente in acqua una volta convalidata la cattura da parte dei giudici di gara. Al Comitato organizzatore sono finora pervenute le iscrizioni di 132 atleti partecipanti che si sfideranno sui campi gara naturali del fiume Noce a Ossana e del torrente Vermigliana a Velon di Vermiglio. La cerimonia di inaugurazione preceduta dalla sfilata delle squadre partecipanti è in programma giovedì 1 giugno nella cornice di Castel San Michele, a Ossana. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

Torna su
TrentoToday è in caricamento