Aquila ko alla finale, Buscaglia: "Una squadra con un gran cuore, abbiamo dato il massimo"

Il commento di coach Buscaglia dopo una gara 6 vinta da Milano al PalaTrento, anche quest'anno l'Aquila si dve accontentare di un secondo posto

foto di Matteo Caoduro

"Abbiamo dato il massimo e fatto grandi cose durante tutto il percorso, analizzare la partita di oggi presa singolarmente non ha molto senso". Parla di un percorso di crescita della squadra Maurizio Buscaglia, coach dell'Aquila Basket alla sua seconda finale Playoff consecutiva, anche quest'anno persa per un soffio. 

Gara 6, ecco com'è andata, clicca qui

Un percorso di crescita che sicuramente continuerà in vista della prossima stagione, mentre il percorso, tutto in salita, verso lo scudetto si è interrotto ieri sera con la vittoria di Milano al PalaTrento. "Abbiamo fatto dei grandissimi playoff, onestamente è stata una partita difficile in cui abbiamo fatto fatica dal punto di vista tecnico, fisico e mentale" commenta Buscaglia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo cresciuti sotto mille aspetti, abbiamo ribaltato partite e fattori campo, ci siamo giocati le nostre chance di vittoria con qualità e personalità. Milano ha fatto la partita e chiuso la serie, abbiamo provato a rientrare con un paio di fiammate ma non ci siamo riusciti. Abbiamo fatto il massimo, questo lo so però per certo perché conosco questo gruppo di giocatori e uomini con un cuore enorme. Insieme a loro voglio ringraziare per il lavoro eccellente che hanno svolto lo staff tecnico e lo staff medico del club". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento