Il Giro d'Italia torna in Trentino: ecco le tappe

Dalla Val di Sole fino a San Martino di Castrozza, passando per Rolle e Manghen, dove fervono i lavori per consegnare al Giro una strada perfettamente praticabile

Anche quest'anno il Trentino si tinge di rosa: il 102° Giro d'Italia arriverà tra le montagne e le valli trentine verso la fine della corsa, nelle tappe finali che decideranno l'esito della competizione che da oltre un secolo continua ad emozionare gli italiani ed il mondo. La prima tappa trentinadel 2019 è la numero 17 che prevede l'arrivo a Commezzadura attraverso il passo della Mendola il 29 maggio.

Il Giro in Trentino: ecco le strade chiuse

Il Giro tornerà quindi in Trentino il 31 maggio per la tappa numero 19: Treviso - San Martino di Castrozza, una lunga salita dalla pianura veneta fino alle Dolomiti. Salite e discese vertiginose anche per la tappa del giorno successivo, la numero 20: partenza ed arrivo in Veneto, da Feltre fino al Monte Avena, ma passando per Cima Campo, Tesino, passo Manghen e, dopo aver percorso per intero le valli di Fiemme e Fassa, ovvero l'equivalente della Marcialonga, il passo Rolle.

Tappa 20: il "tappone dolomitico" del Giro

Quella del passo Manghen è la strada che taglia in due il Trentino orientale, unico collegamento tra la Valsugana e la Val di Fiemme. Com'è noto è stata particolarmente danneggiata dal maltempo di fine ottobre. Sono 20 i cantieri aperti per ripristinare completamente la viabilità. I lavori, si legge in una nota della Provincia, sono stati completati al 60%. 

"Nei giorni immediatamente successivi all'evento meteorologico del 29 ottobre ci siamo trovati di fronte ad una situazione davvero drammatica. I circa 30 chilometri di provinciale erano devastati in vari punti; inoltre oltre 5 chilometri di strada erano stati invasi completamente dagli schianti, impossibili anche da percorrere - spiega l'ingegner Paolo Nicolussi Paolaz del Servizio Opere stradali - La nostra gara è partita in quel momento e all’inizio sembrava impensabile pensare di far transitare il Giro il primo di giugno. Ci siamo attivati con vari contratti di somma urgenza per circa 5 milioni di interventi e nonostante le difficoltà dovute alle temperature e all’ambiente montano stiamo operando al meglio".

In 102 edizioni il Trentino ha ospitato il Giro d’Italia 158 volte: 71 partenze, 72 arrivi e 15 tappe con partenza e arrivo. "Anche questo sarà un giro importante, con due cronometro nella prima settimana, una seconda più transitoria prima delle montagne valdostane e poi la settimana finale, certamente la più complicata per i corridori, e con le tappe trentine" assicura il direttore del Giro Mauro Vegni.

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

  • Olimpiadi Invernali 2026 a Milano-Cortina: le gare si svolgeranno anche in Trentino

I più letti della settimana

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Incidente, si schianta frontalmente con un camion e ci finisce sotto: morto motociclista

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

  • Motociclista morto sulla strada del lago di Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento