Calcio

Renate indigesto, il Trento crolla al ‘Città di Meda’

Trasferta amara per il Trento, incapace di fermare l’intraprendenza del Renate che non ha fatto sconti ed ha inflitto un pesante 4-0 agli uomini di Parlato grazie alla doppietta di Galuppini ed ai gol di Silva e Rossetti.

È una batosta pesante quella subita dal Trento sul campo del Renate, una sconfitta netta che non ammette repliche, un secco 4-0 che riporta i trentini con i piedi per terra e fa volare i brianzoli al quinto posto in classifica. Certo, le defezioni non hanno aiutato mister Parlato che, analizzando il match a posteriori, non fa drammi e punta a rifarsi già dal prossimo turno di campionato.

Il Renate parte subito bene con Galuppini che inizia il suo show con un tiro che termina di poco a lato. I padroni di casa prendono coraggio ma devono scontrarsi con l’ccellente Cazzaro che difende la porta gialloblu in maniera impeccabile su Celeghin. A metà della prima frazione si fa vedere anche il Trento e lo fa con Pasquato che libera un gran destro dalla distanza: Drago è battuto, ma a salvare i neroazzurri ci pensa la traversa. È soltanto un fuoco di paglia che si dissolve presto perché il Renate, pochi minuti dopo, passa in vantaggio con Galuppini che, con un preciso sinistro, sorprende Cazzaro e porta avanti i suoi. Gli ospiti accusano il colpo ed i lombardi non perdonano: passano pochi minuti ed il Renate capitalizza al meglio un corner su cui Silva svetta più in alto di tutti e sigla il gol del raddoppio. È un Trento frastornato che, dopo soli due minuti, subisce anche la rete del 3-0: il protagonista è ancora Galuppini che dalla corta distanza insacca con una precisa conclusione. La ripresa serve solo per le statistiche con il Renate che mantiene il possesso palle e cerca di addormentare la partita, mentre il Trento appare incapace di trovare le forze per imbastire un’incredibile rimonta. Prima del triplice fischio c’è ancora tempo, a metà secondo tempo, del 4-0 firmato Rossetti che di testa sfrutta il bel cross di Ermacora insacca alle spalle di Cazzaro.

I trentini tornano a casa con le pive nel sacco, ma con un sacco di esperienza che servirà nel lungo percorso della Serie C. La sconfitta netta non deve abbattere i ragazzi di mister Parlato, anzi deve far riflettere sugli errori commessi così da non ripeterli. In classifica, il Trento rimane fermo in ottava posizione a 9 punti, raggiunto dalla Juventus Under23, mentre il Renate, come detto, balza al quinto posto a quota 13. Domenica prossima i gialloblu saranno di scena al ‘Briamasco’ dove arriverà il Fiorenzuola, staccato di un solo punto dai trentini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renate indigesto, il Trento crolla al ‘Città di Meda’

TrentoToday è in caricamento