rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Sport

A dieci anni dai trionfi olimpici di Torino di Centa e Zorzi si ritrovano alle Viote

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Gli olimpionici di Torino 2006 Giorgio Di Centa (oro nella 50 km e in staffetta) e Cristian Zorzi, ultimo frazionista nella straordinaria cavalcata del 19 febbraio 2006, si ritroveranno a sfidarsi, seppure con ambizioni diverse, alla seconda edizione della Viote Monte Bondone Nordic Ski Marathon. A dieci anni e qualche giorno dalla straordinaria impresa di Pragelato il fassano e il friulano di Paluzza hanno deciso di ritrovarsi per l'ennesima sfida al centro del fondo dell'Alpe di Trento. Un straordinario valore aggiunto dunque per la competizione in programma sabato 27 e domenica 28 febbraio, organizzato dall'Asd Charly Gaul Internazionale e APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi con Elda Verones in regia, e in collaborazione con il Comune di Trento, ASIS - Azienda Speciale Gestione Impianti Sportivi e la Scuola Italiana Sci Fondo Viote in programma sabato 27 e domenica 28 febbraio sul Monte Bondone.
Oltre a questi intriganti fondisti dal palmares straordinario nell'elenco provvisorio degli iscritti spiccano atleti di assoluto livello come il primierotto Bruno Debertolis, l'esperto fondista su lunghe distanze protagonista delle ultime stagioni e secondo nella scorsa edizione. La Viote Monte Bondone Nordic Ski Marathon raccoglie però consensi anche fra gli atleti del Visma Ski Classics: confermata infatti la presenza di fondisti del calibro del tedesco portacolori del Pro Team A|N XC.de Josef Windorfer, mentre è fresca la notizia che la forte atleta ucraina Valentina Shevchenko del Team Futura si preparerà una settimana alle Viote per primeggiare nella manifestazione del Monte Bondone sia in tecnica classica sia in tecnica libera. È solo l'inizio, visto che sono attese nei prossimi giorni altre conferme di big degli sci stretti.
Nei giorni scorsi è stato effettuato un sopralluogo sulle piste delle Viote con lo staff al gran completo, dal presidente del Comitato Organizzatore Elda Verones al nuovo direttore di gara Giuseppe Ploner, tecnico del centro sportivo dei Carabinieri ed ex allenatore della nazionale, quindi il direttore di percorso Nicola Fruner. La macchina è dunque in pieno fermento per garantire agli appassionati degli sci stretti un intenso weekend grazie ad un programma davvero ricco di iniziative.
La prima giornata sarà dedicata alla tecnica classica, con la possibilità di affrontare due percorsi diversi (30 chilometri con 300 metri di dislivello, oppure la versione breve di 15 chilometri con 150 metri di dislivello), mentre domenica 28 febbraio spazio alla sfida a tecnica libera, sempre con le due opportunità di percorso.
Le registrazioni arrivano abbondanti e copiose, come le nevicate che in questi giorni rendono le Viote un centro da favola per gli amanti dello sci nordico e di paesaggi unici immersi nella natura incontaminata delle Tre Cime del Monte Bondone e le Dolomiti di Brenta sullo sfondo. Con le iscrizioni ancora aperte sul sitowww.nordicskimarathon.it, Asd Charly Gaul Internazionale e APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi con il coordinamento della direttrice Elda Verones, stanno predisponendo gli ultimi dettagli valorizzando come è nella filosofia di tutti gli eventi da loro organizzati la filiera dei prodotti tipici, sia per i pacchi gara, sia per i ristori e per i pasta party: dall'acqua Pejo alle marmellate Menz&Gasser, dai prodotti del panificio Tecchiolli alla pasta Felicetti, dallo spumante Trentodoc Cavit alle mele La Trentina.
Un evento che ha dunque tutte le carte in regola per ritagliarsi un ruolo importante nel calendario nazionale e internazionale, tant'è che anche RaiSport ha deciso di seguire la manifestazione e nei giorni successivi trasmetterà una sintesi di 30 minuti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A dieci anni dai trionfi olimpici di Torino di Centa e Zorzi si ritrovano alle Viote

TrentoToday è in caricamento