rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
social

'Quanto vòt far?' il distributore di benzina parla in dialetto

L'iniziativa nelle Eni Station

'Ades te poi far benzina'. A dirvelo non sarà il benzinaio ma la colonnina delle Eni Live Station di Trento. Già perchè anche in città è arrivata la novità di Eni che ha deciso di 'cambiare' o per meglio dire rivedere la lingua con cui è possibile fare il pieno alla propria autovettura.

I terminali digitali in oltre 1.700 Eni Live Station in tutta Italia da alcune settimane hanno iniziato ad esprimersi anche nei dialetti locali di oltre 100 province. «Operazione in corso, attendere prego», «Rifornirsi all’erogatore 1», «Se hai una carta punti utilizzala ora» sono alcuni dei messaggi vocali che potrai ascoltare nel dialetto della tua zona. L’iniziativa è presente in oltre 1.700 Eni Live Station dove sono stati installati moderni terminali che, tra le lingue disponibili, propongono anche il dialetto della zona.

'Abbiamo scelto di avviare questa iniziativa - spiega l'azienda - nel contesto dell’evoluzione tecnologica dei terminali delle stazioni di servizio, perché la lingua dialettale è una delle tradizioni che contraddistingue i territori e contribuisce a creare un senso di appartenenza, offrendo spesso espressioni capaci di esprimere leggerezza, ironia e immediatezza che vengono utilizzate con disinvoltura in famiglia e nei contesti informali dalla maggior parte degli italiani. Grazie ai dialetti, anche il momento del rifornimento presso le Eni Live Station può portare un sorriso durante una pausa dal viaggio, insieme alle opportunità di vincere tanti premi usando l’app Eni Live'.

I messaggi vocali dialettali dei terminali delle Eni Live Station sono realizzati in collaborazione con l'azienda Fortech e si aggiungono alle lingue già presenti (italiano, inglese, tedesco, spagnolo, francese). Questa iniziativa fa parte di un progetto più ampio delle Eni Live Station, che si concretizza con una architettura proprietaria brevettata, progettata in cloud. I monitor digitali sui terminali di piazzale associano alle funzioni tradizionali di pagamento la possibilità di interagire direttamente con il cliente offrendo diversi servizi, come pagamento del rifornimento in self, quello delle ricariche elettriche, di Eni Parking (ove presenti), oppure dei bollettini postali e Pago PA e anche comunicando iniziative, offerte e servizi personalizzati, compresa la possibilità di essere sempre aggiornati con le notizie di AGI in tempo reale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Quanto vòt far?' il distributore di benzina parla in dialetto

TrentoToday è in caricamento