Lunedì, 15 Luglio 2024
social Lona-Lases

Moto a oltre 200 all'ora sulle valli trentine, la follia corre sui social

Le immagini di questo video riprendono in prima persona la corsa dei motociclisti

Moto per le strade della Val di Cembra che corrono superando anche i 200 chilometri orari, sorpassando auto, infilandosi nel traffico, addirittura fermando altre moto che arrivano dalla parte opposta per chiedere se c’è la polizia dietro la curva. Tutto ripreso da una action movie, registrato e messo sui social network con un titolo che è tutto un programma: “Andiamo a fare i criminali in Val di Cembra”.

Così la follia corre su internet. Le immagini di questo video, che dura oltre quindici minuti, riprendono in prima persona il contachilometri che arriva ai 236 chilometri orari nei vari rettilinei della valle. Il video è stato girato con una action cam e che era stato anche condiviso da alcuni cittadini trentini come prova del comportamento dei motociclisti, spesso al centro delle polemiche e delle critiche di chi le vede come dei pericoli pubblici.

Moto a oltre 200 all'ora sulle valli, la follia corre sui social

Nel video si vede anche come alcuni dei protagonisti si piazzino all'imbocco di una galleria per fermare i motociclisti provenienti dalla direzione opposta e chiedere loro se dall'altro lato del tunnel ci siano i controlli.

Infatti le forze dell’ordine nel tempo hanno intensificato i controlli proprio per contrastare il fenomeno delle due ruote che scambiano le strade delle valli per delle piste da gran premio. Proprio lo scorso giugno sono stati introdotti nuovi limiti di velocità, per rendere più sicura la statale 612 della val di Cembra, dove si sono verificati nel tempo incidenti anche tragici.

Controlli continui 

I controlli dei carabinieri sono proseguiti anche nel fine settimana. Sessantasette motociclisti controllati e otto multe sulle strade della Busa a Riva del Garda, altri 85 fermati e identificati lungo la valle del Chiese con dodici multe per eccesso di velocità. Non solo perché i militari hanno staccato altre multe: quattro per mancate revisioni dei mezzi, tre per mancato uso delle cinture di sicurezza, una per targa contraffatta. Uno il fermo amministrativo di un motorino visto che il conducente, un 23enne, girava senza casco. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moto a oltre 200 all'ora sulle valli trentine, la follia corre sui social
TrentoToday è in caricamento