Scuola

Regione e associazioni in campo per realizzare scuole nel terzo mondo

Finanziati progetti in Africa e Sud America. L'assessore Leonardi: "Istruzione e formazione per aiutare i paesi poveri a rialzarsi"

La Regione Trentino-Alto Adige ha deciso di finanziare 39 progetti promossi da associazioni del territorio. Si tratta di percorsi di formazione ed istruzione concentrati nei paesi più poveri del mondo. “Crediamo che formazione, cultura e istruzione possano aiutare i Paesi più poveri a risollevarsi. Le scuole hanno aperto la strada per una via professionale e umana di successo per molte persone e forniscono un rifugio sicuro per molti bambini” ha detto l'assessore regionale agli aiuti umanitari Giorgio Leonardi.

L’attenzione maggiore è concentrata nei confronti dell’Africa (con 30 progetti), poi l’America del sud (6), l’Europa dell’est (2) e a chiudere l’Asia (1). La nazione che in assoluto avrà maggiore attenzione è la Tanzania, dove la giunta regionale si interesserà a sei progetti. Tra questi quello più interessante è curato dall'associazione Servus, e riguarda la costruzione di una scuola a Kigamboni nella regione di Dar es Salaam. Qui c’è già un istituto dove si insegna alle ragazze a cucire, leggere e scrivere, modellare, contabilità, inglese, giardinaggio e allevamento di polli. Ma visto il grande successo e le molte richieste da tutta la regione si è deciso di realizzarne una nuova e più grande per accogliere più studenti.

Scuola in Tanzania-2

La maggior parte dei progetti, infatti, mira a promuovere l’istruzione e l’insegnamento di un lavoro. È il caso dell’Etiopia dove si sosterrà l’ampliamento dell’istituto professionale St. Anthony College TVET proposto dai Medici dell’alto Adige per il mondo. Qui si insegna metallurgia, informatica, tessitura e costruzioni. Ora l’obiettivo è costruire un convitto, una biblioteca e un nuovo atelier di metallurgia.

In Benin, invece, la regione aiuterà il gruppo missionario “Un pozzo per la vita” a completare la scuola secondaria nel villaggio di Gougnenou e l’assocazione Atout African a completare la scuola elementare nel villaggio di Assogbenou-Daho con la realizzazione di tre nuove classi, una cucina, un pozzo e un sistema fotovoltaico.

Stessa cosa in America del sud dove, ad esempio, in Perù si finanzierà parte del progetto che vede impegnata l’associazione “La goccia” a costruire un nuovo centro scolastico a San Josè de Sisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione e associazioni in campo per realizzare scuole nel terzo mondo

TrentoToday è in caricamento