rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Opportunità

Dalla regione 60 borse per studiare in Europa: chi può chiederla

L’iniziativa è rivolta a tutti gli studenti, cittadini dell’Unione europea, residenti da almeno un anno in regione oppure nei comuni confinanti

Buon notizie di inizio anno dalla Giunta regionale per chi studia in uno stato membro dell'Unione Europea. È infatti stata approvata una delibera, proposta dell’assessore Giorgio Leonardi, che mette a disposizione degli studenti del Trentino - Alto Adige/Südtirol 60 borse di studio per un valore totale di 700 mila euro al fine di permettere loro di frequentare il quarto anno scolastico 2023/2024 in uno stato membro dell’Unione Europea.

Ultime notizie

L’iniziativa è rivolta a tutti gli studenti, cittadini dell’Unione europea, residenti da almeno un anno in regione oppure nei comuni confinanti, per poter studiare il quarto anno delle superiori all’estero. Divise perfettamente: 30 borse di studio saranno riservate agli studenti sudtirolesi, e a quelli residenti nei comuni di Colle Santa Lucia, Cortina d’Ampezzo e Livinallongo del Col di Lana, mentre altre 30 saranno disponibili per gli studenti trentini o residenti nei comuni di Magasa, Valvestino e Pedemonte.

"Considerata la validità e l’importanza dell’iniziativa finalizzata, oltre che all’acquisizione di una approfondita conoscenza delle lingue dell’Unione europea e le numerose richieste che sono arrivate da genitori e ragazzi - ha spiegato Leonardi - abbiamo deciso di rinnovare il sostegno economico della Regione nei confronti di numerose famiglie per rendere possibile un soggiorno di studio all’estero visto le numerose esperienze positive maturate dalle studentesse e dagli studenti del territorio nel corso degli anni".

I vincitori potranno frequentare il 4° anno scolastico in uno stato dell’Unione Europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria) a condizione che, dopo il rientro in Italia, frequentino l’ultimo anno scolastico ottenendo il diploma.

Requisiti per presentare la domanda

Possono presentare domanda dal 1° al 20 febbraio tutti gli studenti nell’anno scolastico 2021/2022 abbiano frequentato la seconda classe di un Istituto scolastico superiore e di essere stati ammessi alla classe successiva, che non abbiamo preso alcun voto negativo nel terzo anno scolastico svolto nel 2022/2023 o debito formativo nella pagella scolastica di fine anno che dovrà essere consegnata insieme a tutta la documentazione richiesta entro il 30 giugno pena l’esclusione dalla graduatoria.

Inoltre, gli studenti che vorranno fare richiesta, non dovranno avere un Isee familiare superiore a 65 mila euro. Ogni borsa di studio andrà da un importo minimo di 8 mila euro fino a un massimo di 12 mila euro in base al punteggio assegnato in graduatoria e non potrà essere cumulabile con qualsiasi altro contributo ricevuto da altri enti pubblici.

Il punteggio finale della graduatoria di merito terrà conto della media dei voti conseguiti nello scrutinio finale del secondo anno, il voto nella lingua inglese nella prima parte dell’anno 2022/2023 e l’indicatore Isee.

Se uno studente alla fine del terzo anno dovesse riportare un voto negativo o debito formativo nella pagella scolastica, verrà revocata la borsa di studio e subentrerà chi segue in graduatoria. L’elenco dei vincitori sarà pubblicato sul sito della Regione.

Il relativo modulo per partecipare al bando è disponibile online sul sito della Regione. Le domande devono essere presentate all’indirizzo di posta elettronica certificata (pec) europa@pec.regione.taa.it indicando esplicitamente nell’oggetto "Domanda borse di studio anno scolastico 2023/2024".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla regione 60 borse per studiare in Europa: chi può chiederla

TrentoToday è in caricamento