Salute

Il richiamo per il vaccino Johnson & Johnson

Secondo nuovi dati il richiamo dopo la dose singola ha generato un "aumento rapido e robusto degli anticorpi"

Una doppia dose di vaccino Johnson & Johnson, approvato inizialmente per una somministrazione singola, si genera un aumento "rapido e robusto" degli anticorpi fino a nove volte superiore rispetto a 28 giorni dopo la vaccinazione primaria a dose singola. Lo affermano i dati annunciati oggi da Johnson & Johnson che supportano l'uso del suo vaccino contro Covid-19 come richiamo per le persone a cui era stato precedentemente somministrato il vaccino a dose singola di J&J.

A luglio, l'azienda farmaceutica ha comunicato i dati ad interim di Fase 1/2a pubblicati sul New England Journal of Medicine che hanno dimostrato che le risposte degli anticorpi neutralizzanti generate dal vaccino di Johnson & Johnson contro il Covid-19 "erano rimaste robuste e stabili fino a otto mesi dopo l'immunizzazione". In previsione della potenziale necessità di richiami, l'azienda ha condotto uno studio di Fase 1/2a e uno studio di Fase 2 su individui che avevano in precedenza ricevuto il suo vaccino. I dati ad interim di questi studi, fa sapere, "dimostrano che una dose di richiamo del vaccino di Johnson & Johnson contro il COVID-19 ha generato un aumento rapido e robusto degli anticorpi, nove volte superiore rispetto a 28 giorni dopo la vaccinazione primaria a dose singola" e "aumenti significativi nelle risposte degli anticorpi sono stati osservati nei partecipanti di età compresa tra 18 e 55 anni, e in quelli di età pari o superiore a 65 anni che hanno ricevuto una dose di richiamo ridotta". I riassunti dello studio sono stati presentati a medRxiv il 24 agosto.

Gli studi sul richiamo del vaccino Johnson & Johnson 

"Abbiamo appurato che una singola dose del nostro vaccino contro il Covid-19 genera risposte immunitarie solide e robuste che sono durature e persistenti per otto mesi. Con questi dati, vediamo anche che una dose di richiamo del vaccino di Johnson & Johnson contro il Covid-19 aumenta ulteriormente le risposte anticorpali tra i partecipanti allo studio che avevano precedentemente ricevuto il nostro vaccino", ha dichiarato Mathai Mammen, M.D., Ph.D., Global Head, Janssen Research & Development, Johnson & Johnson. "Non vediamo l'ora di confrontarci con i funzionari della salute pubblica per discutere di una potenziale strategia per il nostro vaccino Johnson & Johnson contro il COVID-19, per un richiamo a otto mesi o più dopo la vaccinazione primaria a dose singola".

L'azienda è in contatto con la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, l'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e altre autorità sanitarie per quanto riguarda la somministrazione del vaccino di Johnson & Johnson contro il Covid-19. L'azienda, ha ribadito in una nota, "continua a generare e valutare attentamente i dati degli studi in corso e le evidenze che emergono dal mondo reale del suo vaccino contro il Covid-19" e ricorda che i due studi clinici (VAC31518COV1001 e VAC31518COV2001) sono stati finanziati in parte con fondi federali dal Department of Health and Human Services, Office of the Assistant Secretary for Preparedness and Response, Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA), degli Stati Uniti nell'ambito dell'accordo di Other Transaction Authority ("OTA") n. HHSO100201700018C.

Fonte: Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il richiamo per il vaccino Johnson & Johnson

TrentoToday è in caricamento