menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Una mela se spegni la sigaretta": Aquila basket in campo per la Giornata Mondiale Senza Tabacco

Evento organizzato dalla Lilt nelle vie di Trento giovedì 31 maggio: se nessuno fumasse il tumore ai polmoni sarebbe una malattia praticamente inesistente

Una mela in cambio di una sigaretta, ovviamente spenta: saranno i giocatori della squadra giovanile dell'Aquila basket a distribuire ai passanti mele in cambio dello spegnimento di una sigaretta, nelle vie del centro di Trento giovedì 31 maggio in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco.

L'evento è organizzato dalla Lilt  del Trentino che fornirà anche le consulenze grattuite di un dietologo, dalle 10 alle 12 e di uno psicologo, dalle 17.30 alle 19, per chi vorrà accostarsi all percorso per smettere di fumare. I dati PASSI segnalano che in Italia un italiano su 4 è fumatore attivo (25%). Il fumo di sigaretta è più frequente fra le classi socioeconomiche più svantaggiate (meno istruiti e/o con maggiori difficoltà economiche) e negli uomini. Il consumo medio giornaliero è di circa 12 sigarette, tuttavia un quarto dei fumatori ne consuma più di un pacchetto.
Dal 2008 fortunatamente la percentuale di fumatori va riducendosi, ma non abbastanza rapidamente: In Italia il fumo è considerato il responsabile di circa il 30% delle morti per tumore ed aumenta comunque il rischio di tumore polmonare del 26%; il 75% dei casi di cancro alla cavità orale, alla faringe e all’esofago può essere attribuito al consumo di tabacco e la percentuale si innalza ad oltre l’80% per il tumore ai polmoni (dati Cancer Research Epidemiology Unit dell’Università di Oxford).
Se nessuno fumasse, il cancro ai polmoni sarebbe una malattia quasi inesistente e sarebbe di gran lunga ridotta anche l’incidenza del cancro della bocca e della vescica (esposta alle sostanze tossiche eliminate attraverso le urine). Ancora troppo bassa è l’attenzione degli operatori al fumo: solo 1 fumatore su 2 riferisce di aver ricevuto il consiglio di smettere di fumare da un medico o da un operatore sanitario.
Ecco perché il primo punto del Nuovo Codice Europeo contro il Cancro specifica “Non fumare; se fumi, smetti. Se non riesci a smettere, non fumare in presenza di non fumatori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento