"Nessuno escluso": festa delle famiglie no-vax al Parco di Melta

In centinaia al parco di Melta questa mattina per chiedere una "scuola aperta a tutti" dopo le 7.000 firme consegnate in Consigio provinciale

I parteipanti alla festa al parco

Festa ma anche protesta al parco di Melta dove oggi,  domenica 9 settembre, si sono riunite le famiglie di "Nessuno escluso", gruppo che si oppone all'esclusione dei bambini non vaccinati da scuole ed asili. Secondo gli organizzatori circa 500 tra genitori e bambini sono passati dalla manifestazione in mattinata, la foto che vedete qui sopra testimonia comunque una notevole affluenza. Le firme in Trentino parlano chiaro: 7.000 quelle apposte in calce alla richiesta, rivolta al presidente del Consiglio provinciale Brunoo Dorigatti, per chiedere una scuola aperta a tutti, anche ai 500 "non conformi" ancora  presenti in provincia di Trento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La festa di Melta ha dato un'importante occasione ai bambini "non conformi" per sentirsi parte di una società che non li discrimina, non li emargina e non li fa sentire "sbagliati" o "diversi". Per i loro genitori è stata una splendida occasione per attenuare lo stress di quest'anno, fatto di notizie e provvedimenti contrastanti, che non hanno colpito solo loro (con le multe applicate con grande celerità e solerzia dalla Provincia di Trento), ma hanno punito soprattutto gli incolpevoli bambini" si legge nella nota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti, schianto violentissimo con un cervo: morto motociclista

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

Torna su
TrentoToday è in caricamento