rotate-mobile
Cura della mente

Demenze: in Trentino stimati 8000 casi, circa 6200 assistiti dai servizi sociali

Iniziative sul territorio e obiettivi

Sono ottomila i casi di demenza stimati in Trentino e quasi 6.200 le persone assistite dai servizi sociali. Sono questi i dati presentati nell’ambito del convegno "Costruiamo insieme una comunità inclusiva", promosso dall’Associazione Alzheimer Trento odv, presieduta da Renzo Dori, negli spazi del Vigilianum. Sulle demenze sono stati compiuti importanti passi avanti sotto i profili della diagnosi, della cura e della sensibilizzazione.

Quello che è fondamentale oggi, come ha evidenziato l’assessore provinciale alla salute e alle politiche sociali, Stefania Segnana, è l’obiettivo sia di promuovere strategie condivise ed integrate per la promozione della qualità della vita della persona con demenza e dei suoi familiari, sia di migliorare l’appropriatezza e l’efficacia dei servizi dedicati.

Sono diverse le iniziative promosse in Trentino, con il potenziamento degli ambulatori specialistici, l’organizzazione di momenti dedicati alla sensibilizzazione e alla condivisione dei diversi vissuti, accanto al Percorso diagnostico terapeutico assistenziale per le persone con demenza e le loro famiglie. Ad aprile è stata attivata la sperimentazione di un nuovo modello di assistenza nelle Rsa di Pinzolo e Rsa Civica di Trento, con la possibilità di presa in carico anche di pazienti non residenti, esterni alle singole strutture con l’obiettivo di sostenere le famiglie.

A maggio invece si è tenuto il convegno sulle comunità accoglienti, inclusive e amiche delle persone affette da demenza. Un’iniziativa che guarda all’istituzione di specifici percorsi e buone pratiche. Anche l’implementazione della riforma del welfare anziani, con l’avvio di Spazio Argento a partire da gennaio su tutto il territorio provinciale, è funzionale al miglioramento della presa in carico di pazienti e famiglie.

Infine, in sede di assestamento di bilancio è stato approvato uno specifico articolo dedicato alle Comunità amiche delle persone con demenza, mettendo a disposizione le risorse necessarie per promuovere la crescità di realtà il più possibile inclusive. L’Amministrazione provinciale ritiene infatti che, accanto ad una rete efficiente di servizi territoriali, sia necessario promuovere iniziative volte a creare un ambiente sociale inclusivo e accessibile, che consenta alle persone con demenza di partecipare alla vita di comunità e mantenere per più tempo possibile la loro autonomia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Demenze: in Trentino stimati 8000 casi, circa 6200 assistiti dai servizi sociali

TrentoToday è in caricamento