Salute

Mancano i medici di base, ipotesi incarico ai dottori in formazione

Incontro tra l'assessore provinciale Segnana e la dottoressa Berloffa, direttrice della Scuola di medicina generale: si va verso un affiancamento con dei tutor appositi

L'assessore Segnana e la dottoressa Berloffa

Anche in Trentino, così come in tante altre parti d'Italia, si registra una carenza di medici di base. Il tema è stato al centro dell'incontro di mercoledì 14 luglio tra l'assessore provinciale alla Salute, Stefania Segnana, e la direttrice della Scuola di formazione specifica in medicina generale di Trento, la dottoressa Giulia Berloffa.

Fra le priorità stilate da affrontare nei prossimi mesi, in cima alla lista c'è sicuramente quella della cronica carenza di medici di base, soprattutto in alcune zone della provincia. Possibile allora un potenziamento della Scuola diretta dalla dottoressa Berloffa: “Puntiamo molto sulla Scuola di medicina generale – ha detto l’assessore Segnana – perché sappiamo quanto la formazione e l’aggiornamento, anche tecnologico, siano fondamentali per un servizio al cittadino il più possibile efficace ed attento.

Abbiamo posto le basi per una programmazione nuova della Scuola, che include, tra le nuove iniziative, anche la formazione dei medici delle Rsa e parallelamente stiamo lavorando per sviluppare nuove forme organizzative della medicina generale, con attenzione alla multiprofessionalità e all’attività integrata”.

Fra le varie ipotesi sul tavolo per risolvere il problema della carenza di medici di base, quella di assegnare degli incarichi di medicina convenzionata ai medici in formazione, affiancati da appositi tutor appartenenti alla Scuola. L’obiettivo - si legge in una nota della provincia - è ora quello di mettere in campo una serie di progetti strutturati che vadano oltre l’emergenza Covid e che passano anche da una modifica del regolamento e del programma formativo della Scuola di Medicina generale che sarà al centro di un confronto nelle prossime settimane.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano i medici di base, ipotesi incarico ai dottori in formazione

TrentoToday è in caricamento